Migranti. Furlan: da Mattarella un richiamo forte alla solidarietà e all'accoglienza

Roma, 21 aprile 2016. “L'appello forte del Presidente della Repubblica, Mattarella, contro il pericolo del ritorno dei muri, le chiusure nazionalistiche ed in difesa dei valori della democrazia, della solidarietà e della accoglienza dei profughi deve far breccia in Europa e scuotere tutti i Governi". Lo sottolinea la Segretaria Generale della Cisl, Annamaria Furlan, commentando il discorso del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, durante la cerimonia per il 25 aprile. "Ha fatto bene il Presidente Mattarella a ricordare che l'Italia è stato un paese di migranti che spesso hanno vissuto sulla propria pelle anche gravi discriminazioni ed emarginazione nei tanti paesi di accoglienza. L'Italia ha tra i suoi valori fondativi la lotta contro la xenofobia, il diritto all'accoglienza, la generosità, che sono i tratti distintivi della nostra cultura e della nostra tradizione. Bisogna opporre una barriera culturale nei confronti di chi vuole attaccare la convivenza dei popoli, di chi cerca di minare il disegno di un’Europa unita nei valori dell’integrazione pacifica e di uno sviluppo economico solidale. Ecco perché non dobbiamo mai dimenticare il patrimonio di idee, di valori, di passione civile che caratterizzò la Resistenza, una esperienza storica che bisogna continuare a trasmettere ai giovani, nelle scuole, nel mondo del lavoro ed in tutti gli ambiti della nostra società. Le condizioni di vita delle persone possono cambiare solo con un cammino collettivo di partecipazione, di impegno sociale e civile, di rinascita e di speranza, come avvenne con la Liberazione settant’anni fa. Altrimenti rischia di prevalere il populismo, l'antagonismo sterile, una concezione in cui prevale solo la logica del più forte sui deboli".

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.