Amianto. Farina: “al via il tavolo interistituzionale, grande risultato dell’azione di mobilitazione dei sindacati"

Roma, 5 maggio 2016. “E’ stato formalizzato, riconosciuto e approvato dalla Conferenza Unificata Stato Regioni ed Autonomie locali l’istituzione di un tavolo interistituzionale per la soluzione delle complesse problematiche legate all’amianto. Il tavolo sarà presieduto dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri come dichiarato nei giorni scorsi dal Sottosegretario Claudio De Vincenti alle organizzazioni sindacali. Questo risultato ci ricompensa delle nostre numerose iniziative e incessanti sollecitazioni per l’assunzione a livello nazionale di una politica coordinata per la soluzione delle gravi questioni sanitarie, ambientali e sociali dovute all’amianto”. Lo sostiene in una nota il Segretario confederale della Cisl Giuseppe Farina. “Alla Conferenza nazionale promossa da Cgil Cisl Uil presso la Camera dei Deputati lo scorso 29 aprile - sottolinea Farina - era stato richiesto con forza il passo decisivo della presidenza del Consiglio per l’assunzione della questione amianto nell’agenda del Governo e in quella circostanza il Sottosegretario De Vincenti aveva riconosciuto la piena giustezza della nostra richiesta”. “Il vero lavoro per la soluzione dei problemi dovuti all’amianto comincia ora, ma abbiamo la certezza di avere un interlocutore di alto profilo politico ed istituzionale e che ci saranno, a partire dal DEF in fase di approvazione e dalla prossima legge di stabilità, le disposizioni normative e le risorse finanziarie per un proficuo piano di liberazione dell’Italia dall’amianto. Oltre alle necessarie misure sanitarie di cura dei malati e al risarcimento delle vittime – conclude Farina - si potrà impostare un vero e consistente piano di bonifica dell’amianto capace anche di dare respiro alla ripresa dell’occupazione in un settore importante come quello dell’edilizia”.

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.