Lavoro. Petteni: sì all’assegno di ricollocazione al più presto e per più persone

Roma, 6 maggio 2016. "La costruzione di un sistema di politiche attive che sostenga i disoccupati nella ricollocazione è uno dei principali cambiamenti positivi di cui il paese ed il lavoro hanno bisogno". Lo dichiara in una nota il Segretario Confederale della Cisl, Gigi Petteni. "E' oggi la principale distanza e differenza che penalizza l'Italia rispetto a tutti i principali paesi europei. E' una riforma che ora deve accelerare nella attuazione e che va affrontata con decisione e spirito costruttivo anche da parte di noi sindacati. Le lungaggini burocratiche nella costituzione di Anpal e nel raccordo tra Inps, ministero, regioni e centro per l'impiego non devono diventare un alibi per continui rinvii ed incertezze. L'assegno di ricollocazione è uno strumento che può personalizzare il sostegno a secondo delle esigenze di ogni disoccupato e quindi è fondamentale che possa al più presto essere definito. Ci sono molte vertenze e crisi aziendali che potrebbero da subito beneficiare di strumenti di politiche attive per una loro positiva soluzione, diventando da subito una palestra nella quale sostegno pubblico e contrattazione delle parti sociali cooperano per dare soluzioni concrete ed utili a chi sta perdendo un lavoro".

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.