Terziario. #FUORISERVIZIO, massiccia la partecipazione allo sciopero unitario

Venezia, 6 maggio 2016 - Si è svolto oggi lo sciopero unitario indetto dai sindacati di categoria Fisascat Cisl, Filcams Cgil, Uiltucs e Uiltrasporti a sostegno dei nuovi contratti nazionali di lavoro per oltre un milione e mezzo di lavoratori del turismo, della ristorazione, delle imprese di pulizia multiservizi, del comparto termale e delle farmacie private. E' del 70% - con punte dellí80% nel settore dei servizi di pulizia e ristorazione - la percentuale media di adesione alla mobilitazione intersettoriale #FUORISERVIZIO. «Dalla crisi non si esce demolendo i diritti e la dignità del lavoro ma cercando di aiutare le persone ad avere una vita dignitosa perchè se non cresceranno i salari non ci sarà sviluppo» è questo il messaggio rilanciato a Venezia dal segretario generale della Fisascat Cisl Pierangelo Raineri dal palco della manifestazione regionale del Veneto. «Lo stallo negoziale non è più tollerabile - ha aggiunto - è urgente tornare ai tavoli di trattativa e definire norme per la valorizzazione della professionalità, per il potenziamento del welfare, per il rafforzamento del secondo livello di contrattazione, per l'accrescimento delle tutele e per il mantenimento dei livelli occupazionali anche nei periodi di crisi». Prioritario per Raineri anche «bloccare, prima che sia causa di un vero disagio sociale, l'abuso sullíutilizzo dei voucher nel lavoro stagionale, penalizzato anche dalle nuove normative sulla Naspi» la nuova assicurazione sociale per l'impiego in vigore dal 1° gennaio 2016 che ha di fatto dimezzato la durata e l'importo del sussidio di disoccupazione. Ma soprattutto è necessario «contrastare il paradosso economico che vede il comparto turistico in crescita e le retribuzioni degli operatori del settore al palo nonostante in questi anni abbiano contribuito, con la loro professionalità e competenza, alla crescita del Pil». Urgente infine «ristabilire le tutele contrattuali per le lavoratrici e i lavoratori dei servizi e del sistema degli appalti sempre più esposti a logiche lontane dal mantenimento dei diritti e dei livelli occupazionali». Ufficio Stampa Fisascat Cisl Nazionale

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.