Metalmeccanici/STM. Fim Cisl: "Bene le garanzie sul piano industriale, ora riattivare subito tavolo di settore"

Roma, 10 maggio 2016 - Si è tenuto oggi presso il Ministero dello Sviluppo Economico, l’incontro sollecitato da Fim, Fiom, Uilm, tra il Direttore generale MiSE Stefano Firpo, Direzione e Ad di STM e segreterie nazionali Fim, Fiom, Uilm, per avere garanzie sugli investimenti tecnologici da parte STM: in particolare per l’area del sito di Catania a 8 pollici e l’area di Agrate a 12 pollici. L’incontro è stato anche l’occasione per chiedere al Governo l’impegno e il monitoraggio costante sulla governance del Gruppo e sul controllo paritetico di Italia e Francia. "Durante l’incontro - ha spiegato il Segretario Nazionale Fim Cisl Nicola Alberta in una nota - abbiamo posto al Governo la necessità che ci sia continuità nel sostegno al settore dell'alta tecnologia nel nostro Paese, in particolare sulla microelettronica e sui semiconduttori, settori quest’ultimi altamente strategici per capacità innovativa, richiedendo quindi la riattivazione del tavolo di settore ormai fermo da troppi mesi. Per la Fim serve infatti, una seria politica industriale capace di preservare capacità tecnologiche, ricerca, sviluppo oltre che, la manifattura e i servizi avanzati garantendo così, lo sviluppo di eccellenze industriali come STM. Quest’ultima nel corso dell’incontro ha confermato il piano industriale e gli impegni sugli investimenti nella ricerca, in particolare sui siti italiani e si è dichiarata disponibile a continuare il confronto sul piano industriale e sul consolidamento delle attività nel nostro Paese. Sulla riattivazione del tavolo di settore, il governo ha dichiarato, nonostante l’empasse degli ultimi mesi, che molte delle proposte emerse nei pochi incontri del 2014 e nel 2015, hanno costituito la base di lavoro per le linee di sostegno che si stanno portando avanti. In particolare, sulla ricerca e super-ammortamento, sulla partecipazione ai progetti europei e sugli investimenti nelle infrastrutture di rete; impegnandosi, in ogni caso a riattivare a breve il tavolo per fare il punto degli interventi e valutarne il grado di applicazione ed efficacia. Questo sarà utile, come chiede la Fim da tempo, ad accompagnare le necessarie azioni di politica industriale per il rilancio di settore. Il Governo ha inoltre ritenuto fondamentale, come da noi sollecitato, mantenere equilibrio nel controllo paritetico tra i governi di Italia e Francia del gruppo STM, proseguendo l’interlocuzione con il governo francese e con i vertici del Gruppo. Disponibilità inoltre del Governo a mantenere aperto confronto con azienda e le organizzazioni sindacali, nel comune impegno a creare condizioni sempre più solide di prospettiva e sviluppo. Per la Fim Cisl, l’incontro odierno, di fronte agli scenari in continua mutazione del settore, ha una valenza positiva, era necessario fare il punto e avere garanzie sui piani d’investimento, fondamentali per salvaguardare l’occupazione e le eccellenze industriali presenti nel nostro Paese e in grado di permettere all’Italia di avere un ruolo di punta nell'industria globale"- conclude Alberta.

Ufficio Stampa Fim Cisl

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.