Banche. First Cisl: gli Ad di Bpm e Bp presentano un progetto sfidante, ma permangono preoccupazioni

Roma, 17 maggio 2016. “Le linee strategiche, presentate dagli AD di Bpm e Bp, Giuseppe Castagna e Pier Francesco Saviotti - nell’ambito del progetto industriale 2016-2019 che prospetta anche l’integrazione tra i due gruppi bancari da sottoporre alle assemblee dei soci - hanno delineato un progetto che negli obiettivi industriali riteniamo condivisibile”, dichiara Alessandro Spaggiari, segretario First Cisl. Il progetto, ancorché tutto da verificare, è infatti finalizzato prevalentemente all’incremento dei ricavi e all’alleggerimento dei crediti deteriorati. “Un simile orientamento – aggiunge Mario Garcea, segretario First Cisl - non si incentra esclusivamente sul contenimento dei costi e si propone di limitare l’impatto sui lavoratori, anche in riferimento alla mobilità territoriale, garantendo tra l'altro il mantenimento di due poli, un programma formativo di riqualificazione e un piano di uscite volontarie tramite il Fondo di settore”. “Sebbene riteniamo - conclude Spaggiari – che l’aspetto dimensionale per il futuro costituirà un elemento di vantaggio competitivo, permangono preoccupazioni sull’impatto reale dell’operazione che occorre approfondire ulteriormente”.

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.