Atahotels/Gruppo Unipol. Fisascat Cisl: 121 lavoratori collocati in mobilità, operazione meramente finanziaria

Roma, 19 maggio 2016. Si è conclusa con un verbale di mancato accordo in sede ministeriale la procedura di licenziamento collettivo avviata dalla catena alberghiera Atahotels/Gruppo Unipol in seguito alla disdetta dei contratti di locazione in 8 strutture a Milano, Roma, Aosta e Cagliari. Sono complessivamente 121 i lavoratori collocati in mobilità; i sindacati di categoria Fisascat Cisl, Filcams Cgil e Uiltucs, che avevano richiesto ed ottenuto una proroga della chiusura della procedura con lo scopo di verificare le concrete possibilità di subentro di nuovi players nella gestione degli alberghi e di nuove garanzie sul mantenimento dei livelli occupazionali, hanno stigmatizzato sulla insufficienza delle misure aziendali volte a ridurre il drammatico impatto sociale dei licenziamenti. Amaro il commento di Elena Vanelli, la funzionaria della Fisascat che ha seguito gli sviluppi della complicata vertenza. «Il vulnus sociale è davvero molto grande in una operazione meramente finanziaria che poteva preservare le attività alberghiere e la professionalità dei lavoratori coinvolti per i quali abbiamo tentato di percorrere diverse strade al momento senza via d’uscita» ha dichiarato la sindacalista. La categoria cislina manterrà alta l’attenzione sul destino dei 5 alberghi di Milano e Roma esclusi dalle operazioni di cessione che finora hanno riguardato esclusivamente il Tanka Village di Villasimius in Sardegna e il Planibel Residence in Valle D’Aosta. I sindacati hanno intanto invitato il nuovo proprietario delle strutture Antirion Sgr a dare seguito agli impegni presi al tavolo con il ministero dello Sviluppo Economico sulla ricollocazione dei dipendenti, elemento imprescindibile nelle trattative per la riassegnazione della gestione delle attività alberghiere.

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.