Pa. Grande partecipazione in Piazza Montecitorio dei lavoratori degli asili nido e scuole dell’infanzia

Roma, 19 maggio 2016. Oltre un migliaio di insegnanti ed educatori hanno manifestato in piazza Montecitorio sotto le bandiere di Fp-Cgil Cisl-Fp e Uil-Fpl, per testimoniare al Governo e al Parlamento la drammatica situazione in cui versa uno dei settori più importanti e delicati della Pubblica Amministrazione: gli asili nido e le scuole dell’infanzia. “Carenze di personale, esternalizzazione e riduzione dei servizi, soprattutto ai bambini con disabilità che necessiterebbero di un’assistenza prolungata e qualificata, e carenze di risorse che condizionano la didattica e la sicurezza delle strutture, sono i fattori che accomunano le scuole ed i servizi per l’infanzia da nord a sud dello stivale – hanno dichiarato i segretari nazionali delle tre sigle – e solo l’abnegazione dei lavoratori e la partecipazione, soprattutto economica, dei genitori dei bimbi, consentono alle scuole ancora di funzionare”. “Dobbiamo ringraziare le tantissime lavoratrici e lavoratori presenti oggi a Roma”, hanno proseguito i sindacati. Grazie alla grande mobilitazione una delegazione di rappresentanti dei lavoratori è stata ricevuta dai presidenti di alcuni gruppi parlamentari, ed altri incontri seguiranno nei prossimi giorni: “La situazione è drammatica. Quello di oggi è solo l’inizio. Non ci fermeremo finché non avremo risposte concrete dal governo: assunzioni, a partire dal superamento del precariato, per raggiungere gli standard minimi previsti dalla “strategia di Lisbona 2000”, investimenti per aprire 1.700 scuole per accogliere almeno altri 100.000 bambini, rinnovo del contratto per valorizzare le preziose professionalità che operano nell’educazione dell’infanzia. E poi chiediamo di prorogare i fondi comunitari Pac, unica risorsa a disposizione dei comuni in pre-dissesto o dissesto, collocati prevalentemente al Sud, per far fronte all’erogazione dei servizi”.

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.