Leonardo/Finmeccanica. Fim Cisl: "Bene percorso avviato, rumorosa assenza del Governo"

Roma, 20 maggio 2016 - Si è tenuta nella giornata di ieri la riunione del comitato strategico di Leonardo-Finmeccanica alla presenza dell’ad Mauro Moretti e dei rappresentanti nazionali di Fim, Fiom e Uilm durante l’incontro l’ad ha illustrato il piano di riorganizzazione e sviluppo dei prossimi anni. "Il piano - spiega il Segretario Nazionale Fim Cisl Michele Zanocco - prevede un cambio di passo dal punto di vista sia industriale che commerciale e ha ribadito l’importanza di tutte le maggiori linee di business con particolare attenzione all’efficentamento di alcune Aerostrutture concentrate in Campania e Puglia e che soffrivano da sempre di pesanti problemi di redditività dei prodotti. L’ad ha inoltre confermato l’importanza dei siti della Campania che dai prossini mesi saranno al centro di investimenti tecnologici e di processo, per garantirne solidità, crescita industriale ed occupazionale, non è prevista alcuna riduzione, dismissione o chiusura di siti. La società è impegnata in importanti azioni commerciali anche verso nuovi mercati per tutte le divisioni elicotteristica ,velivoli militari Aerostrutture, elettronica e sistemi di difesa. Per quanto riguarda le alleanze internazionali è stata confermata l’importanza di una politica di sviluppo comune della difesa Europea. In in questo senso Leonardo-Finmeccanica si candita ad essere l’attore primario nello sviluppo delle tecnologie unmanned non solo relativamente al neuron ma a tutte le evoluzioni e applicazioni che questa tecnologia potrà avere nel campo militare civile e della sicurezza. Altrettanta attenzione è dedicata al settore dello spazio che diventerà sempre più la frontiera di sviluppo delle prossime tecnologie: a conferma l’importanza di MBDA anche se è in corso di valutazione una riduzione quota azionaria per poter sviluppare con le risorse derivate dalla new generation Turbo Prop che in prospettiva; dovrebbe sostituire l’attuale ATR per il quale è previsto comunque un aggiornamento sistemistico e un incremento della capacità dei posti. È inoltre in corso l’ importante processo di riorganizzazione delle funzioni per tutte le linee di business e di prodotto, che consentirà all’azienda una maggiore efficienza e flessibilità per l’utilizzo delle professionalità, questo permetterà di rispondere in modo più produttivo e redditivo. Come Fim riteniamo estremamente importante il percorso avviato dal Gruppo che punta a consolidare le fondamenta di Leonardo-Finmeccanica in questi importanti mercati e settori. Serve accelerare i processi di acquisizioni di attività, soprattutto in ambito elicotteristico e dei velivoli militari. A tale proposito riteniamo grave, la rumorosa assenza del governo nel sostegno commerciale e produttivo di Leonardo-Finmeccanica. Non chiediamo che il Governo “regali soldi” ma che faccia come tutti gli altri governi europei investendo in queste tecnologie a beneficio del Paese intero. Ufficio Stampa Fim Cisl

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.