Igiene Ambientale. Luciano: "Sciopero dovuto a rigidità controparti. Anci entri in campo con più convinzione per risolvere vertenza"

30 maggio 2016- “Lo sciopero di oggi ha avuto adesioni altissime tra i lavoratori. Dispiace per il disagio arrecato ai cittadini. Si sarebbe potuto evitare se le controparti avessero avuto un atteggiamento meno rigido”. Con queste parole Giovanni Luciano, Segretario Confederale Cisl, commenta l’esito della protesta nazionale odierna delle lavoratrici e dei lavoratori delle aziende pubbliche e private di igiene ambientale per il rinnovo del contratto collettivo nazionale di lavoro. “Auspichiamo ora – prosegue Luciano - che l’Anci entri in campo con più convinzione per risolvere rapidamente la vertenza, perché questo settore ha potenzialità elevatissime per diventare motore di sviluppo anziché campo di battaglia per un semplice rinnovo contrattuale. Il confronto riprende già dalle prossime ore”.

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.