Voucher. Furlan: "Per contrastarne l'abuso occorre un provvedimento profondo e serio, la tracciabilità non basta"

Roma, 1 giugno 2016 - "La tracciabilita' e' importante ma non basta". Questo il giudizio della segretaria generale della Cisl, Anna Maria Furlan, sull'inserimento della tracciabilità nel ddl correttivo dei voucher, che il governo ha comunque deciso di non approvare nel Cdm di ieri, i buoni per pagare a ore i lavoratori, la cui diffusione, per un utilizzo eccessivo, solo nel 2015 è cresciuta di oltre il 60%. La leader della Cisl ha giudicato "limitato" il provvedimento: "oltre a vedere la tracciabilita', l'utilizzo dei voucher va ripensato - ha detto a margine dell'iniziativa organizzata dal sindacato per celebrare il 70esimo anniversario del voto alle donne. "I voucher nascono come strumento eccezionale e invece vi sono stati usati in agricoltura, nell'edilizia, nel terziario per mascherare il lavoro nero. Gli abusi si estendono a macchia d'olio in tutto il Paese - ha concluso - e per questo ci vuole un provvedimento profondo e serio".

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.