Sindacato. Fist Cisl: prosegue in Friuli Venezia Giulia il percorso di costituzione dei livelli regionali

Roma, 5 luglio 2016. Prosegue in Friuli Venezia Giulia il percorso di costituzione dei livelli regionali della Fist, la nuova federazione italiana dei sindacati del Terziario affiliata alla Cisl e nata dalla sinergia delle categorie del terziario turismo e servizi Fisascat Cisl e dei lavoratori autonomi, atipici e somministrati Felsa Cisl. I consigli regionali delle due federazioni sindacali hanno deliberato oggi a Castions di Strada in provincia di Udine di dare vita alla nuova Fist Cisl Friuli Venezia Giulia, dove le due sigle contano complessivamente circa 9mila iscritti. «Abbiamo fortemente condiviso la posizione della Cisl sulla necessità di superare la precarietà dilagante ed abbiamo seguito con attenzione l’evoluzione normativa della riforma del lavoro. Garantire uguale dignità a lavoratori subordinati, parasubordinati e autonomi sarà la nostra mission» ha dichiarato il segretario generale della Fisascat Cisl Friuli Venezia Giulia Adriano Giacomazzi. Un'opportunità colta anche dalla Felsa Cisl Friuli Venezia Giulia. «La Fist Cisl regionale è il giusto interlocutore per le lavoratrici e per i lavoratori del terziario, comparto in crescita in Friuli Venezia Giulia sia per numero di imprese che per numero di addetti, non solo dipendenti ma anche in somministrazione, atipici e autonomi» ha dichiarato il segretario generale della categoria cislina Alessia Degano. Positivo anche il commento del segretario generale della Fist Cisl nazionale Pierangelo Raineri presente ai lavori. «La costituzione della Fist Cisl Friuli Venezia Giulia rappresenta l'occasione per rafforzare la rappresentanza sindacale nel terziario e nei servizi, comparti in crescita in questa Regione, ma soprattutto è l'opportunità per costruire tutele adeguate all'evoluzione del mercato del lavoro con l'estensione dei diritti contrattuali anche alle lavoratrici ed ai lavoratori che non hanno un contratto di lavoro prettamente dipendente ma svolgono la propria attività in autonomia o in forma atipica e somministrata» ha dichiarato il sindacalista. Alla riunione dei direttivi regionali Fisascat e Felsa hanno presenziato anche i segretari nazionali della Fist Cisl Rosetta Raso e Ivan Guizzardi, oltre a Giovanni Fania, segretario generale della Usr Cisl Friuli Venezia Giulia. Sale così a quota dieci il numero delle federazioni regionali Fist ad oggi costituite. Dopo il Veneto, l’Emilia Romagna, la Toscana, la Liguria, il Piemonte, il Lazio, la Calabria, la Lombardia, la Sardegna e il Friuli Venezia Giulia il percorso istitutivo dei livelli regionali Fist Cisl proseguirà nei prossimi mesi in Sicilia, Puglia-Basilicata, Umbria, Marche, Alto Adige, Trentino, Campania, Abruzzo-Molise e Valle D’Aosta.

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.