Caporalato. Furlan "Ridare centralità alla battaglia contro lo sfruttamento del lavoro rurale"

Roma, 19 luglio 2016 - "Siamo vicini ai lavoratori dell’agricoltura ed alla Fai Cisl, che insieme alle altre Federazioni di Categoria manifesta oggi a Roma per invocare l’immediata approvazione da parte del Senato dell’importante disegno di legge contro il caporalato". Lo afferma Annamaria Furlan, Segretaria Generale della Cisl, in una nota. "Bisogna ridare centralità alla battaglia contro lo sfruttamento del lavoro rurale - aggiunge la leader della Cisl - aggiornare ed estendere le responsabilità penali, mettere in campo strategie partecipate che valorizzino l’apporto delle Parti Sociali nelle strategie di contrasto agli abusi ed al mancato rispetto dei diritti e delle tutele per i lavoratori. Occorre dare voce a centinaia di migliaia di lavoratori migranti che lavorano in condizioni massacranti e che si trovano senza alcun diritto. La certezza dei diritti costituzionali e contrattuali si garantisce con ispezioni capillari e mettendo in campo una vera progettazione sociale. Servono misure capaci di assicurare legalità ed azioni in grado di rilanciare il ruolo della contrattazione nelle politiche di integrazione, di sicurezza, nelle politiche abitative e nei trasporti. E' arrivato il momento di unire le forze: Istituzioni e Parti sociali devono difendere insieme le ragioni del lavoro dignitoso e sostenere gli sforzi delle aziende sane, virtuose, rispettose delle regole e dei contratti. E’ un impegno dal quale dipende la vita di migliaia di persone, la crescita e lo sviluppo del nostro sistema produttivo e la dignità di un Paese che vuole dirsi civile".

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.