Agroalimentare. Fai Cisl: bene la legge contro gli sprechi, pronti a dare contributo

Roma, 3 agosto 2016. “Quello contro gli sprechi alimentari è un provvedimento importante, che rilancia il tema della redistribuzione delle risorse e valorizza il ruolo delle parti sociali e di tutti i corpi intermedi nella battaglia contro emarginazione, povertà, incapienza. Grande soddisfazione, quindi, per un risultato che ambisce a dare risposte concrete mentre i livelli di povertà nel nostro Paese, purtroppo, toccano livelli inquietanti”. Lo afferma in una nota Attilio Cornelli, Segretario nazionale della Fai Cisl con delega all'industria alimentare, commentando l'approvazione definitiva da parte del Senato del ddl 2290 contro gli sprechi alimentari. “Condividiamo metodo e merito - aggiunge Cornelli - di una norma ispirata dai principi di un'economia etica, solidale, responsabile, attenta ai bisogni reali delle famiglie più deboli e degli individui maggiormente esposti agli effetti della crisi. Vuol dire rimettere al centro la persona, richiamare l'esigenza di un modello di sviluppo diverso, compartecipato, sensibile al contributo sussidiario di tante realtà associative che da anni si impegnano sui territori per sostenere chi ha più bisogno. Il ruolo che le parti sociali agroalimentari possono svolgere in questo senso è formidabile. Come Fai Cisl ci mettiamo sin da ora a disposizione per lavorare insieme alle istituzioni e alle altre Rappresentanze sociali e politiche per determinare una svolta nelle strategie di contrasto agli sprechi e alla povertà”, conclude Cornelli.

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.