Infrastrutture al Sud. Turri (Filca Cisl): “Il mezzogiorno e l’Italia hanno l’occasione per fare un grande balzo in avanti economico e sociale”

Roma, 4 agosto 2016. “Gli impegni assunti oggi dal ministro Graziano Delrio sono importanti e si riferiscono a interventi attesi da decenni. Dotare il Mezzogiorno d’Italia di infrastrutture moderne ed efficienti vuol dire permettere al sud di recuperare il gap con le regioni del nord, e consentire a tutta l’Italia di fare un grande balzo in avanti dal punto di vista economico e sociale”. Lo ha dichiarato Franco Turri, segretario generale della Filca-Cisl nazionale. “La Salerno-Reggio Calabria, l’alta velocità tra Napoli e Bari e tra Napoli e Palermo, la dotazione ferroviaria e stradale di tutte le regioni del sud, consentirebbero al meridione d’Italia di agganciarsi in modo più efficace alla ripresa economica del Paese, anche in vista del completamento del corridoio europeo di ferro, merci e strada”. Per il segretario nazionale della Filca, Salvatore Scelfo, “il sud non può restare indietro, deve far parte a pieno titolo di un’Europa competitiva e moderna. In questo senso sono da ritenersi positivi i ‘Patti per il Sud’ sottoscritti dal presidente Renzi nei mesi scorsi, e che fanno parte del cosiddetto Masterplan per il Sud. Ora la Filca a tutti i livelli vigilerà sulla reale attuazione di quanto annunciato, per dotare il sud di queste opere irrinunciabili e dare così ossigeno al settore delle costruzioni, che dall’inizio della crisi nelle regioni del sud ha perso centinaia id migliaia di addetti”, ha concluso il sindacalista della Filca.

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.