Trasporti. Rfi. Fit-Cisl: "Una grande azienda torna ad assumere. Vogliamo che sia solo l'inizio"

Roma, 9 luglio 2015. "Le assunzioni che Rfi ha contrattato con il sindacato, che sono più di 700, non sono una conquista solo aziendale, ma hanno un valore maggiore: si tratta di una grande azienda che torna ad assumere e come Fit vogliamo che questo sia solo l'inizio", con queste parole Giovanni Luciano, Segretario generale della Fit-Cisl, commenta la firma dell'accordo di ieri sera tra Rfi e i sindacati.
Prosegue Luciano: "C'è voluto più di un anno e mezzo per chiudere l'accordo sulla manutenzione con Rfi, ma ci siamo riusciti ed esprimo la soddisfazione mia personale e della Fit-Cisl e ringrazio tutti quelli che nella Federazione hanno lavorato per questo accordo.
Rfi dà quindi un segnale di ripresa di assunzioni in un ambito così delicato come la manutenzione delle infrastrutture e quindi nel campo della sicurezza della sede dove viaggiano i treni. È davvero un elemento di grande positività. Sottolineo si tratta di assunzioni di nuovi giovani in tutte le regioni d'Italia, in tutti i compartimenti ferroviari d'Italia e saranno 500 più oltre 200 che sono già in corso".
Conclude il Segretario generale: "Come Fit vogliamo che questo sia solo l'inizio di una grande campagna di assunzioni di giovani italiani. Si parla tanto di occupazione e il tema vero è che il lavoro da fare c'è e l'età media dei ferrovieri è molto elevata anche in altri settori delle Ferrovie dello Stato per cui la Fit-Cisl continuerà a spingere in questa e in altre aziende perché diano risposte occupazionali, visto che c'è bisogno di nuove competenze rispetto alle innovazioni tecnologiche".

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.