Cisl. E' venuto a mancare il sindacalista Pietro Merli Brandini

2 settembre 2016. E' morto oggi a Roma all'eta' di 92 anni Pietro Merli Brandini, storico dirigente della Cisl e per tanti anni Presidente del CENFORM, Centro Formazione e Studi e Ricerche di Roma. Esperto di relazioni industriali e del lavoro, Merli Brandini era entrato nella Cisl nei primi anni sessanta, apprezzato economista e studioso del modello americano e dell’evoluzione del sistema contrattuale in Italia, delle problematiche del rapporto tra contrattazione nazionale e decentrata, della regolazione dei processi economici. Ha pubblicato nella sua lunga attivita' sindacale e di contrattualista diversi manuali di relazioni industriali. E' stato responsabile del Dipartimento delle relazioni economiche e industriali della CISL e segretario confederale dal 1977 al 1983. Merli Brandini era stato anche membro del Comitato Economico e Sociale dell’Unione Europea e del Consiglio di consulenza dei Sindacati presso l’OECD. Aveva anche fondato e presieduto l’ISRIL, l' Istituto di Studi sulle Relazioni Industriali e del Lavoro ed era stato componente del Consiglio di amministrazione delle Ferrovie dello Stato. " E' stato un punto di riferimento costante per tanti sindacalisti, non solo della Cisl, per la sua grande preparazione e la sua capacita' di anticipare i fenomeni sociali ed economici", sottolinea la Segretaria Generale della Cisl, Annamaria Furlan in un messaggio di cordoglio inviato alla famiglia del sindacalista. "Pietro Merli Brandini era un sindacalista di grande spessore intellettuale ma anche di straordinaria umanita'. Il mondo del lavoro gli deve davvero molto per aver valorizzato sempre il ruolo autonomo del sindacato e la strategicita' della concertazione e della contrattazione per la tutela dei lavoratori in un quadro di obiettivi chiari e di pari responsabilita' con tutti gli interlocutori del sindacato". I funerali di Pietro Merli Brandini si terranno domani a Roma alle 15,00 presso il Santuario del Divino Amore, Via del Santuario, 10 - Roma.

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.