Pensioni. Furlan: "Serve un patto generazionale tra giovani e anziani e non facili slogan"

Catania, 8 settembre 2015. "Serve un patto generazionale tra giovani e anziani e non facili slogan". Lo ha dichiarato ieri sera la Segretaria generale della Cisl, Annmaria Furlan, partecipando alla Festa dell'Unita', a Catania. "C'e' troppa pretestuosita' quando si parla del sindacato che non guarda ai giovani. Noi parliamo di cose concrete e ci cimentiamo sulle cose concrete. Basta pensare a quello che stiamo proponendo per il tema delle ricongiunzioni dei contributi che interessa molto i giovani e i nostri figli". "Oggi la ricongiunzione e' talmente onerosa - ha continuato - che spesso i giovani ci rinunciano. Perche' non farlo gratuitamente, permettendo anche il riscatto della laurea e riconoscendo gli anni di studio come anni di lavoro? Occorre poi tornare ad una flessibilita' sull'eta' pensionabile in modo da creare lavoro per i giovani". "In questo Paese essere pensionato troppo spesso significa essere povero o quasi povero. Noi stiamo ragionando con il Governo. Ci sono diverse ipotesi: l'allargamento della platea della 14esima e renderla un po' piu' pesante". "Questo credo possa essere la strada giusta - ha concluso Furlan -: dare risposte sulla previdenza a tutte e tre le generazioni del nostro Paese perche' abbiamo bisogno di coesione sociale e di un patto forte di solidarieta' tra le generazioni"

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.