Sicurezza. Mannone (Fns Cisl): Governo non discrimini categoria Vigili del Fuoco

Roma, 17 ottobre 2016. "I Vigili del Fuoco sono stufi delle pacche sulle spalle, insoddisfatti delle misure annunciate dal governo nella legge di stabilità prevista oggi al CDM. Nei prossimi giorni scenderanno in piazza". Lo dichiara Pompeo Mannone, Segretario Generale della Federazione della Sicurezza della Cisl. "Ci risulta che saranno stanziate delle risorse finanziarie per il riordino delle carriere delle forze dell'ordine e non per i Vigili del Fuoco: è una vera ingiustizia, insopportabile per tutto il settore. Confidiamo in un ripensamento ed in una estensione dei benefici anche per i Vigili del Fuoco, altrimenti saremo costretti a denunciare ai cittadini che ci sostengono quotidianamente la superficialità e la parzialità dell'azione di governo. Ancora in queste ore i VVF sono in prima linea per fronteggiare alluvioni oltre ad essere presenti nell'area del terremoto in centro Italia. Subire tali discriminazioni non fa che aumentare la delusione di uomini e donne che mettono a repentaglio la propria vita in favore dei cittadini. Non si può più trascurare la questione del lavoro dei Vigili del fuoco, lavoro unico, fatto di alta professionalità e di disponibilità al sacrificio ma assolutamente sottopagato nonostante il riconoscimento fatto da tutti per l'insostituibile funzione svolta quotidianamente in favore della collettività. Abbiamo più volte sollecitato il governo a dare tangibili benefici al personale che merita sul campo riconoscimenti concreti al proprio fare che certamente non è inferiore a quello di altri operatori della sicurezza. Se non ci saranno le risposte possibili e ragionevoli a tale esigenza saremo costretti ad iniziare un conflitto che avrà fine solo quando ci saranno le giuste risposte salariali".

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.