Metalmeccanici. Bentivogli (Fim Cisl): "Parliamo di sviluppo. “12 POLLICI’’ volano per innovazione e rilancio dell’occupazione nel Vimercatese"

Roma 17 ottobre 2016. Importante e partecipata l'Assemblea pubblica organizzata oggi ad Agrate dai sindacati di categoria e dalla Rsu della St Microelectronics sul rilancio degli investimenti nel Gruppo. All'Assemblea hanno preso parte, oltre ai Segretari generali Fim, Marco Bentivogli, Fiom, Maurizio Landini, e Uilm, Rocco Palombella, il Sindaco di Agrate, Ezio Colombo, il Presidente della Regione Lombardia, Roberto Maroni, l'Amministratore delegato di STM, Carmelo Papa, e Enrico Brambilla e Angelo Senaldi, delle Commissioni attività produttive rispettivamente della Regione e della Camera dei Deputati. L'Assemblea pubblica è stata organizzata dai sindacati per porre l'attenzione sulla necessità del rilancio degli investimenti tecnologici della STM multinazionale italo-francese a partecipazione pubblica, per contrastare il rischio della riduzione del fatturato e della perdita di quote di mercato, derivante dal fallimento dell'operazione ST-Ericsson e dalla ristrutturazione che ha interessato il gruppo, in particolare per le realtà francesi. “Il settore nel quale opera STM è altamente tecnologico e l'innovazione procede a ritmi molto elevati, per questo è necessario un forte impegno nella ricerca e un orientamento agli investimenti nella tecnologia e nei nuovi prodotti, con minor impatto nell'utilizzo dei materiali e dell'energia. Il settore della microelettronica e dei semiconduttori richiede un constante impegno e investimenti in ricerca e sviluppo unito a capacità creative, d’innovazione e progettazione a cui far seguire la realizzazione industrializzazione dei prodotti. Per questo la salvaguardia dell'occupazione e delle competenze deve essere centrale per STM, in quanto sono i lavoratori a fare la vera differenza per un’industria proiettata al futuro a Vimercate c’è una lunga tradizione in questo senso in termini di capacità e sistema territoriale e formativo per questo riteniamo necessario che STM confermi, come è stato fatto la scorsa settimana per il sito produttivo di Catania, gli impegni sugli investimenti attuando il concreto avvio dei programmi annunciati, senza indugi e ulteriori dilazioni di tempi, che rischierebbero di accentuare le difficoltà. La realizzazione ad Agrate della linea pilota per la produzione di fette di silicio a 12 pollici per la ricerca e lo sviluppo di tecnologie e prodotti legati al futuro di diversi segmenti del manifatturiero, rappresenta il segnale necessario che finalmente si intraprende la strada virtuosa dello sviluppo, e non della contrazione produttiva. Il ruolo del Governo italiano, che è azionista di riferimento di STM in posizione paritetica con quello francese, è fondamentale per fornire indirizzi coerenti e per determinare la realizzazione e l'implementazione delle strategie industriali. Per questo è necessario che i progetti di STM, siano supportati anche attraverso investimenti pubblici da parte delle istituzioni italiane ed europee, proprio in quanto coerenti con tali indirizzi. Il settore della microelettronica e dei semiconduttori è sempre più strategico e fondamentale per stare all’interno degli sviluppi futuri legati a Industria 4.0; in questo senso anche il progetto presentato a inizio mese dal governo sull’ Industria 4.0, deve costituire un riferimento preciso per le scelte industriali che guardano al futuro del nostro Paese e che possono effettivamente costituire l'opportunità per una salto di qualità e un nuovo ruolo della nostra industria nel mondo globale”. 

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.