Lavoro. Furlan: "Urgente un nuovo modello contrattuale"

Roma, 25 maggio 2015. "E' urgente e importante che si definisca il nuovo modello contrattuale, rafforzando il secondo livello di contrattazione, territoriale o aziendale, per quanto riguarda la produttività". E' quanto sostiene il Segretario generale della Cisl, Annamaria Furlan, durante la presentazione della nuova federazione del credito, First-Cisl.
Secondo Furlan è necessario "partire da lì per rendere più competitive le imprese ed il Paese e più pesanti le buste paga dei lavoratori". Non vogliamo che il governo legiferi sui contratti, ma sono le parti sociali che devono assumersi la responsabilita'", ha aggiunto Furlan, spiegando che sono in corso "discussioni informali con Cgil e Uil su come affrontare il tema del modello, che e' scaduto e deve essere rivisitato e riorganizzato".

Facendo poi riferimento all'intenzione del governo, annunciata dal premier Matteo Renzi, di rimettere mano alla riforma delle pensioni nella legge di stabilita' Furlan ha dichiarato: "Vogliamo non solo annunci, ma tavoli veri per cambiare la riforma delle pensioni piu' brutta che l'Europa conosca, quella della professoressa Fornero, a partire dalla flessibilita' in uscita. Non tiene conto delle differenze fra i lavoratori", inoltre una maggiore flessibilita' in uscita consentirebbe di garantire migliaia di posti di lavoro ai nostri giovani che devono andare all'estero per lavorare".

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.