Legge di bilancio. Petriccioli: “Una manovra per l’equità e la crescita”

Roma, 4 novembre 2016. "La Cisl accoglie positivamente molti contenuti della manovra di finanza pubblica e ritiene che con alcuni correttivi volti a migliorare l’equità degli interventi se ne possa potenziare la capacità espansiva, in direzione della crescita”. Lo ha dichiarato il Segretario confederale Maurizio Petriccioli, nel corso dell’audizione presso le Commissioni Bilancio riunite di Camera e Senato sulla legge di bilancio. “Oltre alla presenza nella manovra delle risorse necessarie a finanziare le misure che renderanno operativo l'accordo sulle pensioni raggiunto tra Governo e sindacati sulla previdenza, vengono migliorate e potenziate le agevolazioni fiscali per i premi di produttività erogati per il tramite dei contratti collettivi, cosi come viene scongiurata l’applicazione della clausola di salvaguardia sulle aliquote iva che avrebbe comportato un impatto negativo sull'economia. Tuttavia, il nostro Paese ha bisogno di una forte ripresa degli investimenti pubblici e privati, per i quali è necessaria una politica fiscale che stimoli maggiormente la ripresa dei consumi, avviando la riforma dell’IRPEF. Le misure per l’uscita anticipata dal lavoro, tramite l’Ape, si riveleranno tanto più efficaci quanto maggiore sarà la platea di coloro che usufruiranno concretamente dello strumento. Occorre, pertanto, agevolare la rimozione di ogni ostacolo che possa limitare la fruizione dei diritti riconosciuti dalla legge sulla base dell’intesa fra il Governo e il sindacato”, ha concluso Maurizio Petriccioli.

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.