Pesca. Fai, Flai e Uila ritengono devastante per l’occupazione il sistema di quote per il pescespada richiesto dall’Iccat

Roma, 17 novembre 2016. Fai, Flai e Uila Pesca esprimono forte preoccupazione per la richiesta dell'Iccat (International Commission for the Conservation of Atlantic Tunas) di introdurre un regime di quote per il pescespada nel Mediterraneo. Una proposta, sbagliata nel merito, che rischia di causare danni devastanti sui livelli occupazionali, come già avvenuto con il tonno rosso. La strada di una pesca sostenibile non può attuarsi, infatti, con il sistema delle quote. La difesa dello stock può essere garantita anche e soprattutto con strategie di contrasto alla pesca illegale e con piani condivisi e partecipati sul prelievo selettivo. In questo modo si possono garantire, insieme alla tutela delle risorse, anche la continuità di vita delle imprese e i livelli occupazionali. Il governo italiano deve battersi, a sostegno del settore, per contrastare questa misura iniqua e inefficace, conducendo la sua battaglia insieme alle parti sociali, così come è avvenuto con successo sulla questione della riduzione della taglia minima per le vongole, provvedimento approvato ieri in via definitiva dal parlamento europeo. Misure di conservazione delle risorse come quelle richieste dall’Iccat vanno necessariamente concertate e supportate da coerenti piani di sostegno al lavoro produttivo. Per questo ribadiamo la necessità di una riforma del sistema di welfare per il settore e l'introduzione di un sistema di ammortizzatori sociali stabile e strutturato. Solo così si potrà coniugare in modo efficace la tutela della risorsa ittica con la difesa dei pescatori e del loro reddito.

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.