Scuola. Cisl: Cupani e Serafin entrano nella segreteria nazionale

Firenze, 18 novembre 2016. Completato l’assetto della segreteria nazionale Cisl Scuola. Nel corso dei lavori del Consiglio Generale, svoltosi a Firenze il 17 e 18 novembre, sono state elette segretarie nazionali Tina Cupani e Paola Serafin, già impegnate con ruoli di rilevante responsabilità rispettivamente alla guida della Cisl Scuola Veneto e all’istituto di ricerca sull’educazione e la formazione (Irsef Irfed) nazionale. Diventano così cinque, come originariamente previsto, i componenti della segreteria nazionale guidata da Maddalena Gissi e della quale già facevano parte Ivana Barbacci e Elio Formosa. Con i nuovi ingressi, trova oggi rappresentanza nella segreteria l’intero arco delle professionalità operanti nel settore. Proviene infatti dall’area del personale ATA Tina Cupani, mentre con Paola Serafin torna ad essere direttamente presente in segreteria la componente dei dirigenti scolastici. Rappresentanza professionale e competenze specifiche sono stati i criteri cui Maddalena Gissi ha fatto soprattutto riferimento nell’illustrare la proposta di integrazione poi sottoposta al voto del Consiglio Generale. "Da oggi - ha commentato la segretaria generale - la Cisl Scuola è in grado di continuare con efficacia ancora maggiore la sua azione di rappresentanza e tutela della categoria sui diversi fronti che la vedono impegnata a tutti i livelli nel confronto con l’Amministrazione e in attesa che si avvii quanto prima il tavolo di trattativa per il nuovo contratto". Sui temi del contratto, ma più in generale sulle questioni che vedono in campo il movimento sindacale, dopo che ieri ne aveva parlato il segretario confederale con delega al lavoro pubblico Maurizio Bernava, si è soffermato anche l’intervento della segretaria generale Cisl Annamaria Furlan, presente ai lavori del Consiglio e che nel pomeriggio prenderà parte anche all’avvio dell’ultimo modulo del corso di formazione per nuovi quadri della Cisl Scuola presso il Centro Studi Cisl di Firenze.

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.