Esodati. Petriccioli (Cisl) "Nuova salvaguardia per gli esodati, proroga opzione donna e flessibilità pensionistica per evitare nuovi disagi sociali e sbloccare mercato del lavoro"

Roma, 14 settembre 2015 - "L'approvazione della settima salvaguardia per gli esodati e la proroga dell'opzione donna rappresentano due misure fondamentali per evitare che si allarghi l'area del disagio sociale". Lo ha dichiarato il Segretario confederale della Cisl, Maurizio Petriccioli, alla vigilia del presidio, organizzato da Cgil, Cisl e Uil, domani mattina davanti al Ministero dell'economia e delle finanze, per chiedere l'approvazione della settima salvaguardia per gli esodati.
"Nonostante sia a tutti ormai chiaro come l'irrigidimento dei requisiti di accesso al pensionamento abbia finito per amplificare le conseguenze negative della crisi economica, causando gravi disagi ai lavoratori, difficoltà nella gestione del turn over alle imprese e ostacoli per i giovani ad entrare nel mercato del lavoro, siamo costretti a mobilitarci ancora per evitare ulteriori problemi sociali e per difendere diritti già riconosciuti da norme vigenti che oggi vengono rimesse in discussione, sulla base di un calcolo ragionieristico sbagliato. L'approvazione della settima salvaguardia, la proroga dell'opzione donna e il ripristino della flessibilità nell'accesso al pensionamento sono misure complementari e non alternative a quelle necessarie per ridurre la pressione fiscale sulla prima casa di abitazione e sul mondo del lavoro", ha concluso Maurizio Petriccioli.

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.