Pensioni. Furlan: "Il Governo faccia una proposta chiara e si apra il confronto"

17 settembre 2015 - "Fa bene Carmelo Barbagallo a dire che il 2015 deve essere l'anno dei rinnovi contrattuali. Io sono perfettamente d'accordo con lui. Ed è per questo che gli appuntamenti di questi giorni, la trattativa per gli alimentaristi, per i chimici e non solo, sono appuntamenti straordinari con i quali come parti sociali siamo chiamati a dare segnali forti di volontà attraverso la contrattazione per portare a casa risultati che rendano più pesanti le buste paga dei lavoratori e più competitive le imprese attraverso una maggiore produttività". Lo ha detto la Segretaria Generale della Cisl, Annamaria Furlan, nel suo intervento all'Assemblea nazionale della Uil in corso a Bari. "Nel contempo dobbiamo aprire il confronto con le associazioni imprenditoriali su come dovremo trasformare il modello contrattuale", ha ricordato la Furlan. Il Governo pensi a mettere in finanziaria le risorse per defiscalizzare il secondo livello. A realizzare un nuovo modello contrattuale e le regole ci penseranno le parti sociali. Far aumentare la produttività nel nostro Paese è una scommessa forte che vale nel pubblico come nel privato e noi siamo pronti a raccogliere questa sfida". Sul tema delle pensioni, la Furlan ha sottolineato che la "flessibilità in uscita non possiamo immaginarla a partire dal 2018. La riforma Fornero va cambiata ora. Abbiamo sentito tante proposte di parlamentari, di Ministri, di importanti rappresentati di imprese e di istituzioni. Bene, apriamo il tavolo di confronto e speriamo di avere tra le tante proposte di opinionisti autorevoli, una proposta chiara che venga dal Governo. Noi siamo pronti perchè la nostra proposta è chiara e l'abbiamo esplicitata tante volte in uno spirito di concretezza e responsabilità che caratterizza un sindacato confederale capace di guardare all' oggi ma anche al domani". Ufficio Stampa Cisl

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.