Bancari. First Cisl: "In Banca Popolare di Vicenza non paghino i lavoratori"

Roma, 30 settembre 2015. "Non consentiremo che i lavoratori della banca paghino errori altrui, che hanno portato alla situazione attuale. Vigileremo perché l'impatto sul fronte occupazionale sia il più limitato possibile grazie a un confronto sindacale serrato e puntuale". Così Giulio Romani, Segretario Generale FIRST Cisl, commenta quanto scaturito dalla presentazione del piano industriale della Banca Popolare di Vicenza, che ha confermato la chiusura di 150 sportelli - sui 650 presenti su tutto il territorio nazionale. Questo comporterebbe la riduzione di organico di 575 risorse complessivamente, ovvero oltre il 10% del totale dei dipendenti.
FIRST Cisl si farà carico con forza e assoluta priorità di garantire l'occupazione e salvaguardare la professionalità, evitando che vada perduto il patrimonio di competenze di un gruppo bancario dalle radici storiche. E questo, nell'interesse dei lavoratori, ma anche dei cittadini e del territorio.
Ufficio Stampa First Cisl

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.