8 marzo 2016 Furlan: "Riaffermare le conquiste raggiunte e sostenere l'impegno contro ogni forma di discriminazione a partire dai luoghi di lavoro"

8 marzo 2016- “Grazie di cuore al Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, per aver sottolineato che le donne rappresentano il pilastro della società civile ed uno degli elementi fondativi della nostra Repubblica. Sono parole bellissime e di grande speranza. Ci auguriamo che scuotano le coscienze di chi non vuole ancora riconoscere i problemi, i progetti, le aspettative di milioni di donne nel nostro paese e nel mondo”. E’ quanto sottolinea la Segretaria Generale della Cisl, Annamaria Furlan, che oggi ha partecipato alla cerimonia al Quirinale per la ricorrenza dell’8 marzo. “E’ stato un discorso di grande intensità emotiva e davvero significativo quello che abbiamo ascoltato oggi dal Presidente della Repubblica Mattarella. In particolare abbiamo apprezzato che il Capo dello Stato abbia ricordato che il ritardo sul piano occupazionale delle donne incide negativamente sulla crescita e sull’andamento demografico del nostro paese. L’aumento del lavoro femminile, soprattutto tra i giovani e nelle regioni del Mezzogiorno, è oggi uno dei problemi più spinosi che le istituzioni devono saper affrontare, con il contributo determinante e responsabile delle parti sociali, attraverso politiche efficaci per la famiglia, servizi efficienti ed un sistema di welfare capace di conciliare la maternità e la cura della famiglia con il diritto ad un lavoro dignitoso e stabile. L’eguaglianza tra uomo e donna, la parità dei diritti, la lotta contro ogni forma di violenza e di sfruttamento, devono diventare, come ha ricordato il Capo dello Stato, il terreno di una grande alleanza nella società, per affrontare le sfide epocali cui è chiamata la comunità internazionale, l’Europa ed il nostro paese”.

----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

7 marzo 2016- "La Giornata Internazionale delle Donne torna ogni anno per rinserrare le fila e ridare slancio alle azioni ed alle strategie della Cisl protese al riconoscimento dei diritti delle donne che siamo soliti riassumere, nei concetti di parità e pari opportunità". E' quanto sottolinea la Segretaria Generale della Cisl, Annamaria Furlan, in un editoriale che sarà pubblicato domani sul quotidiano della Cisl, Conquiste del lavoro. "Ci sono dei concetti che travalicano i confini nazionali, come testimonia anche il Manifesto da noi voluto quest’anno: “Abbattiamo le pareti invisibili della diseguaglianza”, prodotto, per l’occasione, dal Comitato Donne della CES, per dire 'no' ad ogni forma di discriminazione delle donne a partire dai luoghi di lavoro", aggiunge la leader della Cisl ."I dati diffusi in questi giorni dalla CES confermano come le donne continuino ad essere ostacolate sul lavoro, dal cosiddetto “tetto di cristallo” che ne impedisce la progressione di carriera, alla disparità nella posizione lavorativa che le relega ad alcune attività particolari e le esclude da altre", sottolinea ancora la Furlan. "Le donne sono più numerose ad esempio nel campo dell’insegnamento, dei servizi, del commercio, della ristorazione, del lavoro domestico e dell’assistenza medico-sanitaria. Tra il 2005 e il 2010 la disparità occupazionale è addirittura aumentata in tutta Europa". Per la Furlan , "la celebrazione dell’8 Marzo è per la Cisl un importante momento di bilancio per ricordare non solo le conquiste raggiunte nel corso degli anni, a cominciare da quella sul diritto di voto di cui ricorre quest’anno il settantesimo anniversario, ma anche per tenere alto il livello di vigilanza su aspetti sui quali si rischia facilmente di fare “un passo avanti e due indietro”. "Esempi ve ne sono tanti", ricorda Furlan,"tra i più recenti quello relativo alla Sentenza della Procura di Palermo, che ha inspiegabilmente “sminuito” un tipico caso di molestie sul luogo di lavoro ritenendolo semplicemente “inopportuno e infantile”. Questo per noi è dare senso profondo ad una giornata che agli occhi di qualcuno può apparire rituale. Spetta a noi darle significato e concretezza ogni anno attraverso il valore delle cose che, ogni giorno, con tenacia e dedizione, portiamo avanti". Infine, la leader di via Po ricorda che la Cisl ha deciso di sostenere quest'anno il progetto della “Casa Speranza” dell’Anolf Cisl di Vercelli, una struttura dedicata alla tutela ed alla protezione delle donne vittime di abusi e violenze, in grado di accogliere alcune donne con i propri figli. Il contributo della Cisl permetterà di completare e rendere più efficiente questa struttura di accoglienza" conclude la Segretaria della Cisl.

 

 

Intervento di Annamaria Furlan al Gr3 di RadioRai3

Leggi anche:

Allegati:
Scarica questo file (8marzoces.pdf)Manifesto 8 marzo 2016 343 kB

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.