Eni-Versalis. Salta l'intesa con SK Capital. Per la Cisl "scongiurata un'operazione finanziaria disastrosa per la chimica e l'industria del paese".

Roma, 21 giugno 2016- "La chiusura definitiva della trattativa tra Eni e SK Capital e' un segnale importante, che rappresenta l'intenzione di non svendere questa realtà industriale ma di valorizzarla, proseguendo sulla strada degli investimenti per rendere Versalis di nuovo protagonista della chimica italiana sostenibile". Questa la dichiarazione della Segretaria Generale della Cisl, Annamaria Furlan e del Segretario Generale della Femca Cisl, Angelo Colombini in una nota congiunta dopo lo stop alla trattativa Eni e SK Capital per la cessione di una quota di maggioranza delle azioni di Versalis, annunciata ieri dall'Ad dell'Eni Claudio Descalzi il quale attribuisce lo stop ad una mancata intesa sulla governance della società e sulla politica industriale che il fondo statunitense avrebbe intrapreso per Versalis. "E' un successo - sottolineano i Segretari - che è stato possibile grazie alla straordinaria mobilitazione dei lavoratori ed ad una efficace mediazione del sindacato con la politica, impedendo una operazione finanziaria che sarebbe stata disastrosa per il futuro del settore chimico e dell'industria nel nostro paese".

LEGGI ANCHE: 

Eni, Cisl e Femca: No alla vendita di Versalis. Trovare soluzioni alternative a smantellamento chimica e raffinazione

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.