COS'È LA CISL        CENTRO STUDI CISL        ISCRIVITI        BILANCI        INTRANET        CONTATTI        ENGLISH        CERCA

I DIPARTIMENTI

 
Iscriviti OnLine
 
Tessera Cisl 2011
 
Numero verde Cisl
 

OSSERVATORI CISL

 

ARCHIVIO

 
 
 
Welfare. Alleanza contro la poverta' a Poletti: " La lotta alla povertà diventi una priorità"

"Urgente per il Paese - sottolineano le 32 Associazioni che aderiscono all'Alleanza contro la povertà' in Italia - superare la fase delle sperimentazioni: occorre dotarsi di una strategia nazionale di contrasto alla povertà. Tra le misure da adottare, una specifica: il Reddito di Inclusione Sociale (Reis).

Roma, 31 luglio 2015 - «Dimostrare con la prossima legge di stabilità che la lotta alla povertà costituisce una priorità e superare la fase delle sperimentazioni: sono le due richieste che l'Alleanza contro la povertà in Italia rivolge al ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali Giuliano Poletti contenute nelle Osservazioni al documento del Ministero del lavoro e delle politiche sociali "Verso un piano nazionale per la lotta alla povertà e all'esclusione sociale" presentato il 16 luglio scorso. E' quanto spiega Gianni Bottalico, presidente nazionale delle Acli, portavoce dell'Alleanza contro la povertà in Italia, un cartello di 32 organizzazioni di ispirazione culturale e sociale diversa che condividono l'urgenza per il Paese di dotarsi di una strategia nazionale di contrasto alla povertà e che hanno proposto l'adozione di una misura specifica - il Reddito di Inclusione Sociale (Reis) - che si rivolge a tutti coloro che si trovano in condizioni di povertà assoluta.
L'Alleanza contro la Povertà ha inviato al ministro Poletti le proprie osservazioni sui documenti presentati nell'incontro dello scorso 16 luglio, le quali esprimono il punto di vista degli organismi dell'Alleanza presenti a quel tavolo. Diversamente, Anci e Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome, che aderiscono all'Alleanza contro la povertà, essendo stati convocati distintamente dal ministro, provvederanno ad inviare eventuali loro considerazioni. «Riteniamo questo confronto costruttivo - sottolinea Bottalico - in quanto testimonianza concreta di un impegno comune per implementare politiche finalizzate all'inclusione sociale ed alla coesione, e con questo spirito intendiamo proseguire il confronto con il Governo al quale rivolgiamo due osservazioni: da una parte si sollecita il superamento delle sperimentazioni con l'adozione, sia pure graduale, di uno strumento strutturale ed universale di contrasto alla povertà assoluta, secondo la logica del Reis; dall'altra si chiede che la lotta alla povertà diventi una delle priorità sociali cui destinare adeguate risorse ed azioni, già a partire dalle prossime settimane, in vista della definizione della Legge di Stabilità». «L'Alleanza contro la povertà - si legge nelle osservazioni inviate al ministro Poletti - chiede di modificare sostanzialmente l'impianto strategico proposto dal Governo» che prevede l'estensione della sperimentazione per il prossimo triennio, in favore invece della «progressiva introduzione di una misura come il Reddito d'Inclusione Sociale (Reis), proposto dall'Alleanza, attraverso l'avviamento - nel 2016 - di un appropriato Piano nazionale contro la povertà».

 

LE NOTIZIE
Sede nazionale: via Po, 21 - Roma (Italy)
Aderente alla Confederazione Europea dei Sindacati - CES (ETUC) e alla Confederazione Internazionale dei Sindacati (ITUC-CIS)
Licenza SIAE 2279/I/777