COS'È LA CISL        CENTRO STUDI CISL        ISCRIVITI        BILANCI        INTRANET        CONTATTI        ENGLISH        CERCA

I GRANDI TEMI

 
Iscriviti OnLine
 
Tessera Cisl 2011
 
Numero verde Cisl
 

OSSERVATORI CISL

 

ARCHIVIO

 
 
Sardegna. Putzolu (Cisl reg.le): "Basta alibi, subito un programma straordinario per il lavoro"

 La Giunta regionale deve destinare i 364 milioni di risorse aggiuntive concesse dallo Stato alla lotta contro la disoccupazione e alla creazione di lavoro. Nota del segretario generale della Cisl sarda: Oriana Putzolu

 

Cagliari, 22 luglio  2014. "La Giunta regionale deve destinare i 364 milioni di risorse aggiuntive concesse dallo Stato alla lotta contro la disoccupazione e alla creazione di lavoro". Sottolinea il Segretario generale della Cisl sarda: Oriana Putzolu

I 364 milioni di risorse aggiuntive riconosciute dallo Stato alla Regione per il 2014 hanno un vincolo, prima morale e poi programmatico : devono essere destinati prioritariamente alla lotta contro la disoccupazione, alla creazione di nuovi posti di lavoro e alla chiusura positiva di numerose partite aperte riguardanti gli ammortizzatori sociali.

Il vincolo è morale perché una classe di governo responsabile non può accettare fatalisticamente il permanere di situazioni di grandi ingiustizie sociali che attualmente caratterizzano l'isola: povertà che interessa un quarto delle famiglie sarde, tasso di disoccupazione che sfiora il 20% - per i giovani in alcuni territori supera il 50% - ; nuova emigrazione di laureati e diplomati in altri paesi con il conseguente depauperamento culturale della Sardegna; dispersione scolastica tra le più alte in Italia.

Tutti i più attenti osservatori della realtà sarda - Banca d'Italia, CREL, CRENOS, Caritas - concordano nel far risalire gran parte dei problemi dell'isola - ecco il vincolo programmatico - alla mancanza di lavoro considerata la principale emergenza in grado di compromettere in modo grave la qualità della vita della popolazione e i diritti fondamentali delle giovani generazioni.

La riforma prioritaria che la Giunta del presidente Pigliaru deve perseguire è, perciò, la creazione immediata di occupazione per i giovani e il rilancio delle opportunità per quanti hanno perso il lavoro e sopravvivono con gli ammortizzatori sociali.

Non ci sono più alibi per la Regione e il Consiglio regionale dopo il riconoscimento alla Sardegna di spazi finanziari aggiuntivi per il 2014 pari a 364 milioni. Il sindacato attende di essere convocato per un incontro operativo finalizzato a individuare un programma straordinario per il lavoro da far partire immediatamente".

                                                                                           


LE NOTIZIE
Sede nazionale: via Po, 21 - Roma (Italy)
Aderente alla Confederazione Europea dei Sindacati - CES (ETUC) e alla Confederazione Internazionale dei Sindacati (ITUC-CIS)
Licenza SIAE 2279/I/777