COS'È LA CISL        CENTRO STUDI CISL        ISCRIVITI        BILANCI        INTRANET        CONTATTI        ENGLISH        CERCA

I DIPARTIMENTI

 
Iscriviti OnLine
 
Tessera Cisl 2011
 
Numero verde Cisl
 

OSSERVATORI CISL

 

ARCHIVIO

 
 
 
Istruzione. Scrima (Cisl Scuola): "La ministra suoni piuttosto la sveglia a Renzi"

"Piuttosto che invitare i sindacati a leggere testi che non ci sono, - sottolinea il Segretario generale della Cisl Scuola - la ministra solleciti il suo premier a rendere di pubblico dominio il disegno di legge, e di farlo al più presto".

Roma, 27 marzo 2015 - "La ministra Giannini dice che saremo interlocutori importanti se avremo la bontà di leggerci il disegno di legge sulla scuola. Noi la bontà ce l'avremmo senz'altro, se solo ce lo rendessero disponibile. Così come siamo prontissimi a ogni confronto, peccato che finora il governo ne abbia sempre voluto fare a meno, nella sua ostentata presunzione di autosufficienza". Così il segretario generale della Cisl Scuola, Francesco Scrima che rassicura la ministra: il ministro: "Siamo talmente buoni da aver letto e riletto tutte le bozze del ddl fin qui circolate; siamo anche in grado, casomai ne avesse bisogno, di indicarle non solo i contenuti dei singoli articoli, ma anche tutte le variazioni che dal 12 marzo a oggi le diverse bozze riportano, sintomo inequivocabile di idee tutt'altro che chiare.
Piuttosto che invitare i sindacati a leggere testi che non ci sono, solleciti il suo premier a rendere di pubblico dominio il disegno di legge, e di farlo al più presto; anche perché quando si impiegano tempi biblici a rendere note decisioni che dovrebbero essere già prese, la richiesta di discutere in tempi rapidi rivolta al Parlamento rasenta l'impudenza".

Ufficio Stampa Cisl scuola


LE NOTIZIE
Sede nazionale: via Po, 21 - Roma (Italy)
Aderente alla Confederazione Europea dei Sindacati - CES (ETUC) e alla Confederazione Internazionale dei Sindacati (ITUC-CIS)
Licenza SIAE 2279/I/777