COS'È LA CISL        CENTRO STUDI CISL        ISCRIVITI        BILANCI        INTRANET        CONTATTI        ENGLISH        CERCA

I GRANDI TEMI

 
Iscriviti OnLine
 
Tessera Cisl 2011
 
Numero verde Cisl
 

OSSERVATORI CISL

 

ARCHIVIO

 
 
Lavoro. Bonanni: "Autunno difficile per i lavoratori e le famiglie"

Il Segretario generale della Cisl ribadisce la necessità di un "cambio di rotta del Governo e raccordo con la società civile".

Roma, 28 agosto -"Renzi incontra Landini perchè con Landini ha un feeling tutto di natura politica. Se questo può servire a riportare Landini su una strada sindacale più compatibile con le regole di mercato della realtà globalizzata va bene. Ma c'è una bella differenza tra questi tipi di incontri di natura politica ed affrontare realmente i problemi economici e sociali del paese". Lo ha detto il Segretario generale della Cisl, Reffaele Bonanni, intervenendo stamani ad "Agorà" su Rai Tre. "Il riformatore è colui che sa mettere insieme tutte le realtà che tirano da una stessa e sola parte ed invece noi vediamo una incitazione continua a fare tanto movimento e nessuno spostamento. Non ci sono davvero i presupposti di una linea riformatrice che ha bisogno di realtà che si muovano all'unisono. Per fare questo bisogna che ci sia più raccordo ed una discussione trasparente perchè farsi muovere solo da impulsi mediatici può avere un effetto molto rapido però poi lo iato tra la realtà e quello che si dice diventerà perfino più grande. Noi crediamo che ci stiamo incamminando su un crinale davvero molto pericoloso. Ieri sera tra Renzi e Landini si è fatta solo politica: Landini può essere molto utile al Premier sulle vicende dell' unità della sinistra. Ma alla Cisl queste storie non interessano. A noi invece interessa che ci sia una situazione di governo delle vicende dell'economia, di taglio della spesa pubblica improduttiva. Ma per fare questo non bastano i proclami. L'autunno sarà molto difficile per i posti di lavoro e per le famiglie. Ecco perchè chiedo a Renzi di scendere dalla nuvola e mettersi d'accordo con le realtà sociali che possono reggere una discussione in modo da orientare le persone. Non bastano i tweet o la capacità mediatica di Renzi perchè così sarebbe molto pericoloso. E' importante che la discussione sia trasparente ed alla luce del sole e che non avvenga solo tra i partiti politici che peraltro oggi sono solo comitati elettorali. Ci aspettiamo un cambio di rotta che coinvolga le realtà organizzate della società civile. Noi come sindacato - ha aggiunto Bonanni - siamo stati sempre, nei momenti di difficoltà, a sostegno delle politiche virtuose per il Paese, non abbiamo mai posto veti, non ci siamo intrufolati mai nelle vicende dei partiti. Mi brucia quando si fa di tutta l`erba un fascio quando si parla dei sindacati. A noi non interessa un incontro con Renzi da dare in pasto ai media. A noi importa una discussione vera e trasparente. Se questa manca è bene che Renzi continui a discutere solo con Landini".

Ufficio stampa Cisl

 

LE NOTIZIE
Sede nazionale: via Po, 21 - Roma (Italy)
Aderente alla Confederazione Europea dei Sindacati - CES (ETUC) e alla Confederazione Internazionale dei Sindacati (ITUC-CIS)
Licenza SIAE 2279/I/777