"Che errore puntare su reddito di cittadinanza e salario minimo", intervento di Annamaria Furlan sul periodico 'Vita'

FurlanLa centralità del lavoro nel ricostruire il Paese è qualcosa che ha anche a che fare fortemente con i valori della persona e della comunità. Se scema il valore del lavoro è ovvio che la semplificazione di tutto diventa un elemento per sminuirne la sua portata economica e sociale di impostazione della vita di una comunità e, dentro la comunità, della persona. Basta vedere quanto poco nell'ultima legge Finanziaria si è prefigurato come investimenti sulla crescita, sullo sviluppo e di conseguenza sul lavoro. Oggi non è il momento dello scontro ma del rafforzare l'economia e quindi la qualità della vita del Paese. Non è un caso che nella manifestazione unitaria del 9 febbraiio scorso abbiamo dato indicazioni precise rispetto agli interventi di cui c'è bisogno per far ripartire l'Italia: lo sblocco di grandi, medie e piccole infrastrutture materiali e immateriali; la valorizzazione attraverso investimenti dell'innovazione tecnologica, il tema dell'impresa 4.0 e investimenti su formazione e ricerca. Importante in un momento come questo mettere al centro il lavoro.

Allegati:
FileDimensione del File
Scarica questo file (vita-11-mag-2019.pdf)Vita 131 kB

Stampa

In base alla normativa in materia di privacy applicabile, CISL – Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.
Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa