"Quel filo che lega accoglienza e sviluppo", "Avvenire", 1° Maggio 2015

b_180_160_16777215_00_images_foto_annamaria_furlan.jpg


"E' il Primo Maggio della solidarietà, dell'accoglienza, del rispetto, della dignità delle persone. Il sindacato ha scelto la piccola cittadina siciliana di Pozzallo, il cui porto è spesso crocevia degli sbarchi di tanti immigrati, come simbolo di una 'necessaria' integrazione tra i popoli. L'Europa deve fare di piu' per fermare questa continua strage nel Mediterraneo che non puo' diventare un cimitero. Non Bastano gli appelli e le promesse.Occorre intervenire all'origine del fenomeno migratorio, bloccando i traffici dei nuovi schiavisti con un'intesa politica tra i vari Governi europei per dare risposte concrete alle migliaia di uomini, donne e bambini che si avventurano in mare pur di scampare alle guerre, alla violenza, alla fame. Non servono le armi e i blocchi navali. Ci vuole una forte coesione poilitica e sociale arginando gli egoismi nazionali e la demagogia xenofoba di alcuni movimenti antieuropei. Per questo dobbiamo ripartire dagli Stati Uniti d'Europa".

Allegati:
FileDimensione del File
Scarica questo file (intervista-avvenire-1maggio-2015.pdf)intervista-avvenire-1maggio-2015.pdf256 kB

Stampa

In base alla normativa in materia di privacy applicabile, CISL – Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.
Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa