"Jobs Act, il compromesso è giusto. Ora cancelliamo i finti contratti", su "La Nazione" del 5 dicembre 2014

b_180_160_16777215_00_images_foto_annamaria_furlan.jpg


"Il compromesso trovato in Parlamento ha decisamente migliorato il provvedimento rispetto alla prima stesura. Quando avremo il confronto sui decreti attuativi voglio verificare se questo nuovo contratto a tutele crescenti assorbe davvero le precarietà". Così il Segretario generale della Cisl sulle pagine de "La Nazione" risponde alla domanda sul perchè la Cisl sia l'unico sindacato a non "cannoneggiare" contro il Jobs Act. "Abbiamo oltre un milione e mezzo di lavoratori quasi invisibili che sono le finte partite Iva, i finti associati in produzioni, i finti co.co.co. Noi vogliamo che la nuova forma contrattuale assorba tutto questo finto lavoro autonomo che in realtà è vero lavoro subordinato mal pagato. E vogliamo vedere quanto si allargano le tutele sociali".

Allegati:
FileDimensione del File
Scarica questo file (Nazione-5-dic-2014.pdf)Nazione-5-dic-2014.pdf296 kB

Stampa

In base alla normativa in materia di privacy applicabile, CISL – Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.
Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa