Jobs act: "Funzionerà a patto che assorba tutti i contratti precari", "La Stampa", 27 Dicembre 2014

b_180_160_16777215_00_images_foto_annamaria_furlan.jpg


Per il Segretario generale della Cisl è solo l'inizio di un percorso, "non c'è dubbio -osserva - che sia nelle audizioni delle Commissioni parlamentari delle due Camere che nel prosieguo del confronto con il Governo capiremo meglio alcune cose che ancora non sono chiare e definite. E avremo anche l'opportunità di contribuire a migliorare ciò che va cambiato. Ma il punto centrale per noi è far sì che il contratto a tutele crescenti - che è un contratto a tempo indeterminato assolutamente vantaggioso, che per la prima volta sarà più invitante per le imprese rispetto ad altre forme contrattuali - non venga affiancato e vanificato dalle tante forme contrattuali precarie oggi esistenti: partite Iva, lavori a chiamata, co.co.pro., associati in partecipazione. Forme che spesso fingono lavori autonomi ma sono lavori subordinati, mal tutelati e mal pagati".

Allegati:
FileDimensione del File
Scarica questo file (la-stampa-27-dic-2014.pdf)la-stampa-27-dic-2014.pdf149 kB

Stampa

In base alla normativa in materia di privacy applicabile, CISL – Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.
Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa