"No a premi decisi per legge, agli statali mancano due miliardi". Intervista di Annamaria Furlan a "Repubblica" del 19 febbraio 2017

furlan "I furbetti vanno puniti e il merito premiato, non c'è dubbio. Ma il ministro sbaglia se pensa di fissare per legge gli obiettivi su cui valutare i dipendenti pubblici. (...) La materia, come tutte quelle che riguardano la produttività, va affidata alla contrattazione, nazionale e decentrata, sul modello del settore privato." Sulle risorse da destinare al rinnovo del contratto del pubblico impiego: " I due miliardi stanziati non bastano, ce ne vogliono altri due".

Allegati:
Scarica questo file (repubblica.pdf)repubblica.pdf348 kB

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.