"No a premi decisi per legge, agli statali mancano due miliardi". Intervista di Annamaria Furlan a "Repubblica" del 19 febbraio 2017

furlan "I furbetti vanno puniti e il merito premiato, non c'è dubbio. Ma il ministro sbaglia se pensa di fissare per legge gli obiettivi su cui valutare i dipendenti pubblici. (...) La materia, come tutte quelle che riguardano la produttività, va affidata alla contrattazione, nazionale e decentrata, sul modello del settore privato." Sulle risorse da destinare al rinnovo del contratto del pubblico impiego: " I due miliardi stanziati non bastano, ce ne vogliono altri due".

Allegati:
FileDimensione del File
Scarica questo file (repubblica.pdf)repubblica.pdf348 kB

Stampa

In base alla normativa in materia di privacy applicabile, CISL – Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.
Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa