Sicilia. Poste, edili, scuola: dilaga la protesta dei lavoratori

Dalle manifestazioni dei postali alle carovane degli addetti dell'edilizia alle fiaccolate di prof e operatori Ata. La pentola del lavoro bolle. E quest'anno in Sicilia andranno in fumo altri 20 mila posti. Milazzo: "Ascolto responsabile e patto sociale"

4 Giugno 2015 - Giorni caldi in Sicilia sul fronte del lavoro. "In fibrillazione un po' dappertutto - con le parole di Mimmo Milazzo, segretario della Cisl nell'Isola - per emergenze regionali che esplodono e per vertenze nazionali irrisolte". Oggi, da Palermo, prende il via la protesta dei lavoratori delle Poste. Domani a far sentire la loro voce saranno gli edili e il personale della scuola. I postali della Cisl Slp hanno organizzato due manifestazioni, entrambe alle 18: stasera nel capoluogo regionale davanti alle Poste di via Roma; giovedì 11 a Catania davanti alla sede aziendale di via Etnea. Palermo e Catania saranno punto di partenza pure delle manifestazioni programmate dai lavoratori delle costruzioni, che dalle due città muoveranno domattina con carovane regionali che approderanno a Polizzi Generosa, sulle Madonie. Qui, per iniziativa di Fillea, Filca e Feneal si terrà un dibattito sulle infrastrutture e sull'emergenza viabilità scoppiata nell'Isola con il crollo del viadotto Himera, sulla A19. #LaScuolaSiamoNoi è l'hashtag che la Cisl Sicilia lancia in vista della mobilitazione che domani sera impegnerà docenti e personale Ata in tutti i capoluoghi siciliani di provincia, con fiaccolate, flash mob e cortei. La protesta di un ampio cartello di sindacati confederali e autonomi contro il Ddl sulla Buona scuola in discussione al Senato, s'inserisce nel solco delle contestazioni in corso nel Paese. Insomma, "a Palermo come a Roma il mondo del lavoro è in ebollizione", ripete Milazzo. "Servono coesione sociale, l'ascolto responsabile delle istituzioni e un patto sociale che metta al centro le tante crisi che ancora strangolano lavoratori ed economia", afferma il segretario ricordando che "in Sicilia quest'anno andranno in fumo altri 20 mila occupati e si stima che il tasso di disoccupazione si aggiri intorno a quota 24,5%".
Il patto sociale a cui la Cisl pensa dovrebbe coinvolgere il governo, sia regionale che nazionale, i sindacati, le imprese, gli enti locali e le banche. Nell'Isola, precisa ~Milazzo, dovrebbe mettere in agenda "le riforme del sistema idrico e dei rifiuti, quella degli enti di area vasta e il rilancio dei poli industriali".

Stampa

In base alla normativa in materia di privacy applicabile, CISL – Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.
Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa