Lombardia. Vertenza Don Gnocchi, contro il contratto al ribasso sciopero nazionale e presidio davanti alla sede della Regione

Milano, 10 dicembre 2015. Domani tornano in piazza i lavoratori delle sedi lombarde della Fondazione Don Gnocchi. In contemporanea allo sciopero nazionale, Fp Cgil, Cisl Fp e Uil Fpl della Lombardia terranno un presidio davanti alla sede della Regione. Lo sciopero è stato proclamato dai sindacati nazionali dopo il fallito tentativo di conciliazione al tavolo del ministero del Lavoro. Don Gnocchi ha confermato la disdetta del contratto nazionale a favore di un nuovo contratto, al ribasso, che penalizzerà i 5.500 operatori sanitari dislocati nelle 27 sedi della Fondazione, di cui quasi la metà in Lombardia. “A nulla sono valsi i sacrifici dei lavoratori, che dal 2013 stanno prestando orario aggiuntivo non retribuito e rinunciando a due giornate di ferie annue, convinti di voler contribuire al rilancio della struttura ed al salvataggio della Fondazione - spiega Antonio Tira, segretario generale Fp Cisl Lombardia -. Oggi Don Gnocchi vuole penalizzare ulteriormente la loro condizione”. Cgil, Cisl e Uil delle funzioni pubbliche non ci stanno: dopo oltre un mese di mobilitazioni in tutti i presidi della Fondazione, domani sarà sciopero per l’intera giornata lavorativa.

Stampa

In base alla normativa in materia di privacy applicabile, CISL – Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.
Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa