Modena. Vertenza Molino Ariani: Fai-Cisl e Flai-Cgil hanno dichiarato sciopero contro i licenziamenti e per il pagamento degli stipendi

Modena, 15 dicembre 2015. Sciopero ieri e oggi al Molino Ariani di San Felice sul Panaro. Lo hanno proclamato i sindacati di categoria Flai-Cgil e Fai-Cisl insieme ai lavoratori per sollecitare la mensilità di novembre (che avrebbe dovuto essere pagata il 5 dicembre), avere garanzie sul pagamento della tredicesima e il rispetto degli accordi sottoscritti il 16 ottobre, che prevedono l’anticipo della cassa integrazione da parte dell’azienda. I tredici dipendenti, che sono in cassa integrazione per crisi da luglio e lavorano a rotazione per alcune settimane al mese, a oggi non hanno risposte sulla mensilità di novembre e sull’anticipo della cassa integrazione; inoltre sono molto preoccupati per i probabili esuberi entro la fine dell’anno annunciati dall’azienda tramite fax ai sindacati. «La comunicazione via fax degli esuberi è una modalità inaccettabile di relazioni sindacali, sia nel metodo che nel merito, poiché con questa azienda ci si è sempre confrontati direttamente sui problemi cercando soluzioni condivise – affermano Erika Morselli (Flai-Cgil) e Mario Zoin (Fai-Cisl) - Lo consideriamo un atto di arroganza, al pari dell’incontro proposto solo per il 28 dicembre. Nel merito, poi, l’annuncio di esuberi è in forte contraddizione con la tipologia dell’ammortizzatore sin qui utilizzato: la cassa ordinaria prevede infatti il mantenimento di tutta l’occupazione. Inoltre, l’azienda beneficerà dei contributi regionali per la ricostruzione post-sisma, ma questi contributi sono legati alla continuità aziendale e occupazionale». Lavoratori e sindacati sono consapevoli del difficile momento che sta attraversando l’azienda, impegnata nella ricostruzione del sito di San Felice, ma considerano scorretto il ritardo nel pagamento dello stipendio di novembre e strumentale l’annuncio dei licenziamenti se non arriveranno già a gennaio i contributi regionali per la ricostruzione. Tra l’altro la stessa azienda ammette che le banche stanno continuando a sostenerla. «L’azienda ha le sue responsabilità nell’aver tardato a presentare la domanda per i contributi per la ricostruzione. In ogni caso – sottolineano Morselli e Zoin - le amministrazioni pubbliche locale e regionale hanno finora operato con trasparenza e disponibilità. Per questo, in mancanza del pagamento immediato almeno della retribuzione di novembre, i lavoratori sono pronti a prolungare lo sciopero e – concludono Flai-Cgil e Fai-Cisl - a presidiare ogni giorno l’ingresso dell’azienda».

Stampa

In base alla normativa in materia di privacy applicabile, CISL – Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.
Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa