Sardegna. Alcoa: lavoratori chiedono aiuti economici al Consiglio regionale per fare quello che dovrebbero fare le forze politiche

17 dicembre 2015. Il Consiglio Regionale ha deciso di contribuire economicamente alla trasferta dei lavoratori Alcoa a Roma per seguire da vicino quell’interminabile vicenda industriale. La Cisl sarda si augura che non sia il modo scelto dalle istituzioni per lavarsi la coscienza per un impegno che tutti, in particolare le famiglie dei lavoratori più direttamente interessati, considerano essere stato fino a questo momento inferiore alle attese e alla gravità della situazione. I lavoratori chiedono aiuti economici al Consiglio regionale per fare quello che dovrebbero fare le forze politiche, distratte da liti continue su interessi partitici e di campanile. "Più che di oboli -dichiara la Segretaria generale della Cisl sarda, Oriana Putzolu- il mondo del lavoro sardo ha bisogno di una classe politica e di governo autorevole in Sardegna e a Roma, che sappia farsi ascoltare dal Governo; di una Giunta e di un Consiglio regionale in grado di dotare la Sardegna di progetti e politiche che mettano l’isola alla pari con le altre regioni, e soprattutto di realizzarli. D’ora in poi il Consiglio regionale si troverà davanti a un bivio: risolvere i problemi dei lavoratori oppure finanziare tutte le proteste – e non sono poche – che i lavoratori faranno nella capitale e, perché no, anche a Cagliari.

Stampa

In base alla normativa in materia di privacy applicabile, CISL – Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.
Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa