Emilia Romagna, riforma contratti: oggi attivo unitario di Cgil, Cisl e Uil

26 Febbraio 2016 - Forte rilancio della contrattazione su due livelli, partecipazione dei lavoratori al governo delle imprese, regole sulla rappresentanza. Sono i tre pilastri della proposta di riforma del modello contrattuale, approvata il 14 gennaio dalle segreterie nazionali di Cgil, Cisl e Uil e illustrata oggi ai dirigenti e delegati modenesi nell’attivo unitario che si è tenuto al Centro Famiglia di Nazareth. «L’obiettivo è aggiornare il sistema contrattuale rilanciando il ruolo delle rappresentanze e dei lavoratori quali soggetti attivi e protagonisti delle scelte di sviluppo con il sistema delle imprese», hanno spiegato i segretari generali di Cgil Tania Scacchetti, Cisl William Ballotta e Uil Luigi Tollari. Sui contratti, che devono essere validi per tutti i lavoratori, i sindacati propongono di ridurne il numero; resta quello nazionale (la cui vigenza potrebbe diventare quadriennale) per tutelare e rafforzare il potere d'acquisto dei lavoratori. Per gli aumenti si fa riferimento non più al tasso di inflazione, ma a un indicatore macroeconomico (Pil, andamento del settore o altro). Cgil, Cisl e Uil vogliono estendere la contrattazione di secondo livello, che potrà essere aziendale, territoriale, di distretto, sito o filiera. «L'obiettivo è migliorare le condizioni di lavoro – hanno sottolineato Scacchetti, Ballotta e Tollari - con la crescita della produttività, competitività, efficienza, innovazione organizzativa, qualità, welfare contrattuale, conciliazione dei tempi di vita e lavoro». I sindacati puntano a far partecipare i lavoratori al governo e alle scelte delle imprese attraverso la presenza nei consigli di sorveglianza; inoltre propongono la partecipazione organizzativa (organizzazione del lavoro) e finanziaria (azioni). Infine Cgil, Cisl e Uil, che stanno completando la certificazione dei propri iscritti e rsu, chiedono analoga certificazione della rappresentanza anche alle organizzazioni delle imprese.

Stampa

In base alla normativa in materia di privacy applicabile, CISL – Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.
Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa