Messaggio

EU e-Privacy Directive

This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

View e-Privacy Directive Documents

You have declined cookies. This decision can be reversed.

Lazio. Unicoop Tirreno, seconda giornata di sciopero dei 157 lavoratori dei 5 negozi del sud della regione

Roma, 26 marzo 2016 - Non si arrendono alla cessione i 157 dipendenti dei cinque punti vendita Unicoop Tirreno di Formia, Cisterna di Latina, Fiuggi, Frosinone e Terracina, esclusi dalla nuova rete vendita “Distribuzione Lazio Umbria” nata dal sodalizio tra la cooperativa di consumatori e l'alleanza delle cooperative della grande distribuzione del distretto Adriatico Coop Alleanza 3.0. Nella seconda giornata di sciopero indetta per oggi con manifestazione a Terracina, i lavoratori manifesteranno tutto il loro dissenso sull'operazione che dovrebbe concludersi, secondo il piano di Unicoop Tirreno, con la cessione in franchising dei punti vendita a piccoli imprenditori locali; posizione ritenuta inaccettabile per le federazioni sindacali di categoria Fisascat, Filcams e UIltucs che in questi ultimi anni hanno sempre respinto i tentativi della cooperativa di cedere parte della rete vendita ad imprenditori privati. «Le difficoltà del mercato soprattutto in alcune aree del Paese sono note, ma abbandonare una parte delle lavoratrici e dei lavoratori che da anni svolgono con dedizione il proprio lavoro a servizio di soci e consumatori non è una soluzione che può essere condivisa» ha stigmatizzato il segretario nazionale della Fisascat Vincenzo Dell'Orefice. «Si determinerebbe un grave precedente, le ripercussioni del franchising le conosciamo bene e sappiamo quali nefaste conseguenze pagano le persone che ci lavorano» ha concluso il sindacalista. Le tre sigle sindacali, che in fase negoziale hanno invitato la direzione aziendale a ricercare soluzioni alternative alla cessione di attività, hanno proclamato anche un'ora di astensione del lavoro in tutti i negozi della rete vendita da programmare a livello decentrato; la protesta proseguirà fintanto che la direzione di Unicoop Tirreno, che della nuova rete vendita “Distribuzione Lazio Umbria” possiede la quota del 70%, non tornerà sui propri passi. Ufficio Stampa Fisascat Cisl Nazionale

Stampa