Sciopero ferrovie Toscana: “Risultato che la società non può ignorare"

Firenze, 22 Aprile 2016. Adesioni tra l’85 e il 95% allo sciopero di 24 ore (si concluderà alle 20,59 di stasera) del personale del settore ‘circolazione’ di RFI in Toscana proclamato dai sindacati di categoria di Cgil, Cisl e Uil. “E’ un risultato importante – dice Stefano Boni, segretario generale della Fit-Cisl Toscana - che la società RFI non può ignorare. Chiediamo subito un tavolo per verificare e analizzare la situazione organizzativa e un piano di assunzioni di personale per avviare un ricambio generazionale.” Secondo i dati della Fit nella Sala Controllo e Comando della circolazione di Campo Marte (Firenze) hanno scioperato l’85% dei lavoratori in servizio, nella SCC di Pisa il 95%. Praticamente bloccata la linea la Firenze-Pistoia–Viareggio dove non circolano treni, mentre sulle direttrici per Pisa e per Arezzo si viaggia sul 50% di treni soppressi. Su circa 800 treni regionali, finora ne sono stati soppressi 480. Si registrano ritardi, in alcuni casi anche di 30 minuti. Regolari invece i treni Alta Velocità. “E’ stato fatto venire personale dalle regioni limitrofe, Lazio e Emilia Romagna, a sostituire i lavoratori in sciopero” denuncia Boni. “Una scelta grave, per cercare di mitigare il successo dello sciopero. Un successo di cui però RFI dovrà tenere conto.” “Attualmente – spiega il segretario Fit - l’età media del personale (circa 500 persone) è di 55 anni. Abbiamo bisogno di assunzioni di circa 50 capi stazioni e di un progetto di ricambio generazionale, per portare l’età media tra i lavoratori intorno ai 45 anni.”

Stampa

In base alla normativa in materia di privacy applicabile, CISL – Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.
Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa