• InfrastruttureFurlan:

    Infrastrutture
    Furlan: "Urgente sbloccare i cantieri del Terzo Valico, della Tap e della Pedemontana. Il 30 Ottobre a Genova lanceremo le nostre proposte per far ripartire il Paese e gli investimenti"

    Continua...

  • Manovra Cgil Cisl Uil al Governo:

    Manovra
    Cgil Cisl Uil al Governo: "Nel Def mancano risposte incisive su crescita, lavoro, investimenti pubblici"

    Continua...

  • Lavoro Cgil Cisl Uil incontrano Di Maio su ammortizzatori e politiche attive Sbarra:

    Lavoro
    Cgil Cisl Uil incontrano Di Maio su ammortizzatori e politiche attive
    Sbarra: "Segnale di attenzione alla richiesta dei sindacati confederali"

    Continua...

  • Dal territorio

COMUNICATI STAMPA

Riders. Cgil, Cisl, Uil, riconvocare al più presto tavolo al ministero del Lavoro

Roma, 18 ottobre - “La trattativa avviata presso il ministero del Lavoro per dare ai riders tutele contrattuali e normative... continua

Lavoro. Sbarra: "Positivo calo cig ma in parte dovuto al superamento dei periodi massimi. Bene proroghe ammortizzatori, ora devono partire le politiche attive"

Roma, 18 ottobre 2018 - “Prosegue la riduzione della cassa integrazione: nei primi nove mesi dell'anno sono state autorizzati 162... continua

Manovra. Cisl a Ministra Lezzi: "Va garantita la clausola del 34  %  di investimenti per le regioni del Sud"

17 ottobre 2018 - "Una politica circolare, che rilanci effettivamente il Mezzogiorno rendendo più ricco il paese. Questo occorre avviare... continua

Povertà. Furlan: "Chi nasce povero ha meno possibilità di risalire ascensore sociale. Serve politica di crescita economica, sociale e culturale"

17 ottobre 2018 -  “Sono davvero preoccupanti i dati di oggi del Rapporto della Caritas  sull’aumento della povertà nel nostro... continua

Manovra. Furlan:"Troppo debole su investimenti, infrastrutture, innovazione, formazione. Condono fiscale non è certo pedagogico rispetto a lotta evasione"

16 ottobre 2018 - "È chiaro che bisognerà aspettare i testi della manovra per dare una valutazione compiuta. Ma da... continua

Labor TV

Manovra. Furlan: troppo debole su investimenti e infrastrutture

Guarda tutti i video

IN EVIDENZA

A PROPOSITO DI

  • "Se l'agenda delle infrastrutture non decolla", lettera aperta di Annamaria Furlan, 'Il Messaggero' 17 Ottobre 2018

    Furlan2018Le vicende emblematiche del Terzo Valico ferroviario in Liguria, del Gasdotto Tap in Puglia e della Pedemontana in Veneto sono la cartina da tornasole di un Paese che non sa decidere sul proprio futuro, incapace di valutare, senza pregiudizi ideologici, qualunquismo ed interessi di bottega, l'importanza degli investimenti pubblici in infrastrutture per la crescita e lo sviluppo complessivo del Paese. (...) E' lunghissima la lista delle opere in fase di realizzazione bloccate da ritardi amministrativi, veti della politica, ricorsi alla magistratura, appalti truccati, revisioni dei prezzi, campagne ideologiche. Parliamo di porti, acquedotti, dighe, raccordi stradali, ferrovie, fino alle scuole dei piccoli comuni. Di 37 opere strategiche programmate negli ultimi 15 anni, solo 11 sono arrivate al traguardo. Si stimano in 33 mila posti di lavoro ed in 75 miliardi di euro le ricadute che lo sblocco di queste opere pubbliche avrebbero sull'economia. Stare al Governo significa in primo luogo fare gli interessi generali del Paese e valutare con rispetto e senso di responsabilità anche le decisioni prese dagli Esecutivi precedenti in raccordo con l'Europa. 

FOCUS

ISCRIVITI ALLA CISL. INSIEME E' MEGLIO!

tesseramento 2018 orizzontale nologo lowres

Sindacato, contrattazione, tutela e rappresentanza. La persona, il luogo di lavoro, il territorio al centro dell'azione della CISL. Azione di prossimità. Siamo presenti su tutto il territorio con le Unioni sindacali territoriali e con la rete di servizi di assistenza, informazione e orientamento.  Dettagli

Iscriviti 

SCRIVI ALLA CISL

Inserisci il tuo nome

Inserisci il tuo indirizzo email

Valore non valido

Inserisci il quesito

AggiornaValore non valido

Consenso privacy
 

Sardegna. ASL Unica. Cisl regionale: "Rischio di concentrare il potere nelle mani di pochi.

Cagliari, 4 maggio 2016 - Per la CISL sarda la scelta di una ASL unica dovrà essere seriamente meditata, "per evitare pericolose concentrazioni di potere". E' quanto dichiara il Segretario regionale della Cisl Sardegna, Ignazio Ganga precisando che in particolare "si dovrà valutare se la futuribile quadratura dei conti si armonizzerà realmente con la necessità di migliorare - questo dovrebbe essere l’obiettivo principale della riforma - il sistema sanitario regionale".

"Per la Cisl sarda, - prosegue Ganga - è ancora tutto da dimostrare che la riduzione del numero delle ASL si traduca automaticamente in un risparmio effettivo per il bilancio della Regione. Sovente, infatti, è nelle megastrutture che si sono realizzati in Sardegna rendite di posizione e sprechi che proprio in materia di sanità dovranno essere evitati. Lo snellimento della burocrazia in sanità, fatto secondo un modello centralista e dirigista, non regge le sfide di una sanità sarda più moderna che necessita, invece, di modalità e strumenti nuovi di governance in grado di favorire realmente il risparmio e l’intervento su centri di costo fuori controllo, a causa anche di un sistema di monitoraggio che negli ultimi anni ha dimostrato tutta la propria inadeguatezza e che non può ricadere, oggi, in termini di penalizzazione sull’intera comunità sarda.

Secondo la CISL diverso sarebbe stato ragionare, anche con l'apporto delle parti sociali, su un intervento per ottimizzare i centri di controllo anche allo scopo di creare la più volte sollecitata omogeneizzazione della spesa, aggregando la domanda e indirizzando e monitorando realmente gli acquisti attraverso una funzionante centrale unica. Piuttosto che su un'azione di accentramento delle responsabilità, per la CISL si sarebbe dovuto partire dalla riorganizzazione del territorio, per poi passare al servizio “Emergenza/Urgenza”, arrivando solo a conclusione del processo all’eventuale ipotesi di riorganizzazione della rete ospedaliera e della tecnostruttura organizzativa. Tutto questo avrebbe dovuto avere come fulcro di ogni ragionamento la dimensione locale e, quindi, le periferie. La vera sfida della Regione dovrebbe essere – questo vale anche in campo sanitario - la creazione di un territorio forte strutturalmente, alternativo o sostitutivo all'ospedale. E’ dalla riorganizzazione del territorio, infatti, che si potrà riprogrammare un modello sanitario e socio assistenziale sardo capace di contenere, da un lato, le attuali distorsioni che hanno portato a quel costoso primato del 70% di ricoveri ospedalieri inopportuni più volte denunciati dalla Regione e, dall’altro, porre rimedio alla complicata questione delle lunghe liste d’attesa, solo parzialmente presa di petto fra le misure di efficientamento del sistema salute regionale. Il progetto proposto dalla Regione, che trova la sua sintesi nella Asl unica e nella razionalizzazione del sistema ospedaliero, a nostro parere, riscontra reazioni perché non dà serenità al locale e mortifica le legittime aspettative dei territori sardi. L’attuale tensione sociale esigerebbe un ripensamento in ordine a possibili depotenziamenti di diversi presidi sanitari col rischio di aumentare, inoltre, i costi per le famiglie.

Per questo, come Cisl sarda, pensiamo che la rete territoriale, senza il potenziamento, anche amministrativo dei distretti, non potrà garantire alla Sardegna condizioni di omogeneità nell’offerta dei servizi alle persone, dovunque esse siano. Riportare il centro delle cure sulla Comunità e sul territorio aiuterebbe, secondo la Cisl, a dare risposte ad un preoccupante invecchiamento della società sarda che ha diritto a una sistema salute/sociale completamente ripensato soprattutto in ordine all’evoluzione delle esigenze epidemiologiche e sociali dei cittadini sardi. La riscoperta della centralità dei Comunità locali meglio risponde ai principi di sussidiarietà e cittadinanza su cui è costruita la specialità della Sardegna E’ in tale direzione che, secondo la Cisl regionale, debbono andare i futuri investimenti nell’Isola, intensificando il confronto e la contrattazione sociale con le rappresentanze sindacali.

E’ altresì fondamentale, per la Cisl, far funzionare realmente il binomio sanità - socio assistenziale a sostegno di una popolazione sarda sempre più bisognosa di interventi sul fronte della non autosufficienza. Come sindacato - conclude il segretario regionale - siamo in attesa di aprire con la Regione un ragionamento sulle professioni sanitarie/socio assistenziali. Lo diciamo nella consapevolezza che spesso in Sardegna si è ragionato di sanità come di un'entità inanimata, che si muove per inerzia, macinando denaro pubblico, non tenendo conto di un sistema che opera spesso con tanto eroismo individuale e con un marcato utilizzo di contratti temporanei".

CONQUISTE DEL LAVORO

copertina_conquiste_del_lavoro

Contratto rinnovato per i dipendenti del Sostentamento Clero

Salario, welfare contrattuale ed estensione delle tutele per le famiglie al centro dell’intesacon alta valenza sociale che interessa mille lavoratori...

Industria 4.0, la sfida si chiama formazione

La rivoluzione digitale modificherà il lavoro nelle fabbriche e cambierà il volto delle relazioniindustriali. Ma per non rimanere indietro il...

Ryanair, firmato il contratto collettivo italiano per gli assistenti di volo

Fit Cisl: nostro prossimo obiettivo è migliorare anche il contratto dei piloti del vettore irlandese. Lo scopo finale è dare...

Industria, torna il segno più

Istat: dopo i cali di luglio, il fatturato sale dell’1,2% e gli ordinativi del 4,9%. A settembre frena l’inflazione: meno...

CONQUISTE DEL LAVORO

Contratto rinnovato per i dipendenti del Sostentamento Clero

Salario, welfare contrattuale ed estensione delle tutele per le famiglie al centro dell’intesacon alta valenza sociale che interessa mille lavoratori...

Industria 4.0, la sfida si chiama formazione

La rivoluzione digitale modificherà il lavoro nelle fabbriche e cambierà il volto delle relazioniindustriali. Ma per non rimanere indietro il...

Ryanair, firmato il contratto collettivo italiano per gli assistenti di volo

Fit Cisl: nostro prossimo obiettivo è migliorare anche il contratto dei piloti del vettore irlandese. Lo scopo finale è dare...

Industria, torna il segno più

Istat: dopo i cali di luglio, il fatturato sale dell’1,2% e gli ordinativi del 4,9%. A settembre frena l’inflazione: meno...

In base alla normativa in materia di privacy applicabile, CISL – Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.
Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa