• InfrastruttureFurlan:

    Infrastrutture
    Furlan: "Urgente sbloccare i cantieri del Terzo Valico, della Tap e della Pedemontana. Il 30 Ottobre a Genova lanceremo le nostre proposte per far ripartire il Paese e gli investimenti"

    Continua...

  • Manovra Cgil Cisl Uil al Governo:

    Manovra
    Cgil Cisl Uil al Governo: "Nel Def mancano risposte incisive su crescita, lavoro, investimenti pubblici"

    Continua...

  • Lavoro Cgil Cisl Uil incontrano Di Maio su ammortizzatori e politiche attive Sbarra:

    Lavoro
    Cgil Cisl Uil incontrano Di Maio su ammortizzatori e politiche attive
    Sbarra: "Segnale di attenzione alla richiesta dei sindacati confederali"

    Continua...

  • Dal territorio

COMUNICATI STAMPA

Povertà. Furlan: "Chi nasce povero ha meno possibilità di risalire ascensore sociale. Serve politica di crescita economica, sociale e culturale"

17 ottobre 2018 -  “Sono davvero preoccupanti i dati di oggi del Rapporto della Caritas  sull’aumento della povertà nel nostro... continua

Manovra. Furlan:"Troppo debole su investimenti, infrastrutture, innovazione, formazione. Condono fiscale non è certo pedagogico rispetto a lotta evasione"

16 ottobre 2018 - "È chiaro che bisognerà aspettare i testi della manovra per dare una valutazione compiuta. Ma da... continua

Industria. Colombini: "Per far crescere la domanda interna servono politiche del lavoro ed una politica industriale rispettosa dell’ambiente"

Roma, 16 ottobre - "Il dato positivo fornito dall’Istat sull’aumento del fatturato e degli ordinativi nel mese di Agosto evidenzia... continua

Donne. Cgil Cisl, Uil: "Conciliazione vita lavoro riguarda tutti i lavoratori non solo le donne. Urgente un incontro con il Governo"

Roma, 16 ottobre -  La conciliazione tempi di vita tempi di lavoro "non è e non deve essere un affare... continua

Sicurezza lavoro. Furlan: "Morte operaio a Bergamo ennesima tragedia che addolora tutti. Sicurezza non può diventare un optional"

15 ottobre 2018 - Un operaio di 44 anni ha perso la vita mentre era al lavoro oggi in provincia... continua

Infrastrutture. Il 30 ottobre a Genova la Cisl chiama a confronto Governo, istituzioni, forze politiche. Ci saranno:  Furlan, Tajani, Rixi, Martina, Bucci, Toti  

Roma, 16 ottobre 2018 - “Infrastrutture: per una stagione di maggiore efficacia con al centro il lavoro, la sicurezza e... continua

Labor TV

Manovra. Furlan: troppo debole su investimenti e infrastrutture

Guarda tutti i video

IN EVIDENZA

A PROPOSITO DI

  • "Se l'agenda delle infrastrutture non decolla", lettera aperta di Annamaria Furlan, 'Il Messaggero' 17 Ottobre 2018

    Furlan2018Le vicende emblematiche del Terzo Valico ferroviario in Liguria, del Gasdotto Tap in Puglia e della Pedemontana in Veneto sono la cartina da tornasole di un Paese che non sa decidere sul proprio futuro, incapace di valutare, senza pregiudizi ideologici, qualunquismo ed interessi di bottega, l'importanza degli investimenti pubblici in infrastrutture per la crescita e lo sviluppo complessivo del Paese. (...) E' lunghissima la lista delle opere in fase di realizzazione bloccate da ritardi amministrativi, veti della politica, ricorsi alla magistratura, appalti truccati, revisioni dei prezzi, campagne ideologiche. Parliamo di porti, acquedotti, dighe, raccordi stradali, ferrovie, fino alle scuole dei piccoli comuni. Di 37 opere strategiche programmate negli ultimi 15 anni, solo 11 sono arrivate al traguardo. Si stimano in 33 mila posti di lavoro ed in 75 miliardi di euro le ricadute che lo sblocco di queste opere pubbliche avrebbero sull'economia. Stare al Governo significa in primo luogo fare gli interessi generali del Paese e valutare con rispetto e senso di responsabilità anche le decisioni prese dagli Esecutivi precedenti in raccordo con l'Europa. 

FOCUS

ISCRIVITI ALLA CISL. INSIEME E' MEGLIO!

tesseramento 2018 orizzontale nologo lowres

Sindacato, contrattazione, tutela e rappresentanza. La persona, il luogo di lavoro, il territorio al centro dell'azione della CISL. Azione di prossimità. Siamo presenti su tutto il territorio con le Unioni sindacali territoriali e con la rete di servizi di assistenza, informazione e orientamento.  Dettagli

Iscriviti 

SCRIVI ALLA CISL

Inserisci il tuo nome

Inserisci il tuo indirizzo email

Valore non valido

Inserisci il quesito

AggiornaValore non valido

Consenso privacy
 

Friuli Venezia Giulia. Indagine inedita della Cisl nazionale sulla regione

24 Giugno 2015 - Piccolo è bello, ma anche no, soprattutto se sul "banco degli imputati" ci sono efficienza e costi: quella dei servizi e quelli che i cittadini devono sostenere per garantirseli.
A rivelare che è meglio puntare sulle più ampie dimensioni è un'indagine realizzata dal dipartimento studi nazionale della Cisl, che la Cisl Alto Friuli ha voluto portare come contributo al dibattito in corso in regione. In sostanza - emerge dal report - i piccolissimi comuni del Fvg, pur non essendo particolarmente inefficienti, presentano costi procapite assolutamente elevati. Come a dire, spese per i cittadini ben diverse da quelle sostenute dai residenti di altri municipi.
Questione di numeri (slides in allegato) E' così che, ad esempio, viene fuori che nei comuni fino a 2mila abitanti l'ammontare procapite dell'Imu si aggira attorno ai 150 euro contro i 250/300 delle amministrazioni più piccole, oppure che la tassa sulla raccolta dei rifiuti presenta un range anche superiore ai 25 euro a testa. Sempre dati alla mano, sono sorprendenti i perimetri del risparmio ottenibili aumentando le dimensioni del territorio di riferimento. Esemplifica Filippo Elba, curatore della ricerca: "Se consideriamo la voce polizia municipale, i livelli maggiori di virtuosità si riscontrano nei comuni con popolazione compresa tra i 1.000 e 2.500 abitanti, con un'efficienza complessiva pari a 0,842 e di 0,878 sotto il profilo amministrativo, ed un costo procapite di 26 euro. Se questi comuni fossero massimamente efficaci dal punto di vista amministrativo, sarebbero in grado di abbassare il costo a 23 euro, cifra che scenderebbe addirittura a 20 euro nel caso dei municipi fino a 5.000 abitanti".
Giocando, dunque, con le proiezioni, se è vero che ad oggi, ed a condizioni date, i comuni più efficienti sono quelli con popolazione tra i 1.000 e 2.500 abitanti, sono quelli sopra a 5mila ad avere le maggiori potenzialità in termini di risparmio per i cittadini e quelli tra i 10.000 e i 50.000 a garantire meno spese nei residenti per le voci della viabilità, dell'illuminazione e della raccolta rifiuti.
Il messaggio alla politica Di qui l'appello forte della Cisl ai Sindaci. "Occorre mettersi assieme senza esitazioni" - sollecita il segretario generale della Cisl FVG, Giovanni Fania, ponendo l'accento sulla questione dei risparmi necessari per le famiglie e sull'efficienza dei servizi che vanno comunque garantiti su tutto il territorio. "E' chiaro che in questo senso, la riforma delle Uti può rappresentare una grande opportunità, una volta sciolti alcuni nodi, potendo anche contare su strumenti preziosi come quello del Comparto Unico per quanto riguarda la gestione del personale". "Il discorso non va rimandato oltre - incalza il segretario generale della Cisl Alto Friuli, Franco Colautti, chiedendo l'apertura immediata di un tavolo di trattativa dove discutere congiuntamente di riforma delle Uti e personale, ma anche dove trovare soluzioni alle molte questioni ancora aperte rispetto alle Unioni. Così, ad esempio, la congruità delle stesse Uti con i distretti e ambiti socio-sanitari; così i perimetri dei consorzi, con un occhio di particolare attenzione al territorio della montagna con il ruolo in divenire di Cipaf e Cosint; così ancora la questione, sempre rapportata alle nuove Uti, degli ambiti dei cluster e dei distretti scolatici, ma anche della giustizia con la soppressione del tribunale di Tolmezzo.
Non si torna indietro "Le esigenze di risanamento della finanza pubblica - definisce il segretario nazionale Maurizio Petriccioli - hanno indotto il governo a ridurre gradualmente i trasferimenti pubblici dal governo centrale agli enti locali con la conseguenza di inasprire la pressione fiscale complessiva a livello locale sui cittadini, ed, in alternativa, di tagliare i servizi pubblici nella quantità ed efficacia". "Ragionare pertanto - aggiunge - di costi e servizi negli enti locali significa ragionare del differenziale di efficienza capacità contributiva presente nei diversi comuni della regione e significa altresì ragionare anche attentamente di un equilibrio soddisfacente tra la dimensione dei comuni, l'efficienza dei servizi pubblici e la conseguente tassazione che ricade sulla comunità".
La lotta per un fisco più equo: "Il sindacato dei pensionati sente molto da vicino il tema legato alla fiscalità locale - afferma Gigi Bonfanti, segretario generale nazionale della FNP Cisl - in quanto è proprio attraverso la sua riforma che si possono raggiungere importanti risultati, con conseguenti vantaggi a beneficio dei cittadini. La Cisl, in particolare, ritiene fondamentale la riforma del fisco per la quale si sta battendo proprio al fine di far diminuire la pressione fiscale che grava su lavoratori e pensionati."
L'approfondimento Di economie di scala necessarie, di risparmi e tariffe, di efficienza e dell'opportunità di seguire la via strategica dell'unione si discuterà questo pomeriggio - mercoledì 24 - dalle 16.30 al Picaron di San Daniele nel corso di una tavola rotonda "Costi e servizi nei municipi verso i nuovi assetti territoriali della regione Friuli Venezia Giulia"),organizzata dalla Cisl Alto Friuli, in collaborazione con la Cisl Friuli Venezia Giulia, cui interverranno la presidente della Regione, Debora Serracchiani, il segretario della Cisl nazionale, Maurizio Petriccioli, il segretario nazionale della Fnp Cisl, Ermenegildo Bonfanti ed il segretario generale Cisl Fvg, Giovanni Fania. Il confronto sarà anticipato dall'introduzione del segretario generale Cisl Alo Friuli, Franco Colautti, dalla presentazione della ricerca, a cura di Filippo Elba, docente dell'Università di Firenze e dall'intervento sulla riforma degli enti locali in Fvg della professoressa Elena D'Orlando, docente di diritto presso l'ateneo di Udine.

CONQUISTE DEL LAVORO

copertina_conquiste_del_lavoro

Industria 4.0, la sfida si chiama formazione

La rivoluzione digitale modificherà il lavoro nelle fabbriche e cambierà il volto delle relazioniindustriali. Ma per non rimanere indietro il...

Ryanair, firmato il contratto collettivo italiano per gli assistenti di volo

Fit Cisl: nostro prossimo obiettivo è migliorare anche il contratto dei piloti del vettore irlandese. Lo scopo finale è dare...

Industria, torna il segno più

Istat: dopo i cali di luglio, il fatturato sale dell’1,2% e gli ordinativi del 4,9%. A settembre frena l’inflazione: meno...

Ilva, Mittal dà il via libera alle cessioni

Il gruppo indiano annuncia la dismissione di 4 siti in Europa: c’è anche Piombino. Proseguono le trattative ...

CONQUISTE DEL LAVORO

Industria 4.0, la sfida si chiama formazione

La rivoluzione digitale modificherà il lavoro nelle fabbriche e cambierà il volto delle relazioniindustriali. Ma per non rimanere indietro il...

Ryanair, firmato il contratto collettivo italiano per gli assistenti di volo

Fit Cisl: nostro prossimo obiettivo è migliorare anche il contratto dei piloti del vettore irlandese. Lo scopo finale è dare...

Industria, torna il segno più

Istat: dopo i cali di luglio, il fatturato sale dell’1,2% e gli ordinativi del 4,9%. A settembre frena l’inflazione: meno...

Ilva, Mittal dà il via libera alle cessioni

Il gruppo indiano annuncia la dismissione di 4 siti in Europa: c’è anche Piombino. Proseguono le trattative ...

In base alla normativa in materia di privacy applicabile, CISL – Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.
Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa