• InfrastruttureFurlan:

    Infrastrutture
    Furlan: "Urgente sbloccare i cantieri del Terzo Valico, della Tap e della Pedemontana. Il 30 Ottobre a Genova lanceremo le nostre proposte per far ripartire il Paese e gli investimenti"

    Continua...

  • Manovra Cgil Cisl Uil al Governo:

    Manovra
    Cgil Cisl Uil al Governo: "Nel Def mancano risposte incisive su crescita, lavoro, investimenti pubblici"

    Continua...

  • Lavoro Cgil Cisl Uil incontrano Di Maio su ammortizzatori e politiche attive Sbarra:

    Lavoro
    Cgil Cisl Uil incontrano Di Maio su ammortizzatori e politiche attive
    Sbarra: "Segnale di attenzione alla richiesta dei sindacati confederali"

    Continua...

  • Dal territorio

COMUNICATI STAMPA

Manovra. Cisl a Ministra Lezzi Va garantita la clausola del 34  %  di investimenti per le regioni del Sud

17 ottobre 2018 - "Una politica circolare, che rilanci effettivamente il Mezzogiorno rendendo più ricco il paese. Questo occorre avviare... continua

Povertà. Furlan: "Chi nasce povero ha meno possibilità di risalire ascensore sociale. Serve politica di crescita economica, sociale e culturale"

17 ottobre 2018 -  “Sono davvero preoccupanti i dati di oggi del Rapporto della Caritas  sull’aumento della povertà nel nostro... continua

Manovra. Furlan:"Troppo debole su investimenti, infrastrutture, innovazione, formazione. Condono fiscale non è certo pedagogico rispetto a lotta evasione"

16 ottobre 2018 - "È chiaro che bisognerà aspettare i testi della manovra per dare una valutazione compiuta. Ma da... continua

Industria. Colombini: "Per far crescere la domanda interna servono politiche del lavoro ed una politica industriale rispettosa dell’ambiente"

Roma, 16 ottobre - "Il dato positivo fornito dall’Istat sull’aumento del fatturato e degli ordinativi nel mese di Agosto evidenzia... continua

Donne. Cgil Cisl, Uil: "Conciliazione vita lavoro riguarda tutti i lavoratori non solo le donne. Urgente un incontro con il Governo"

Roma, 16 ottobre -  La conciliazione tempi di vita tempi di lavoro "non è e non deve essere un affare... continua

Sicurezza lavoro. Furlan: "Morte operaio a Bergamo ennesima tragedia che addolora tutti. Sicurezza non può diventare un optional"

15 ottobre 2018 - Un operaio di 44 anni ha perso la vita mentre era al lavoro oggi in provincia... continua

Labor TV

Manovra. Furlan: troppo debole su investimenti e infrastrutture

Guarda tutti i video

IN EVIDENZA

A PROPOSITO DI

  • "Se l'agenda delle infrastrutture non decolla", lettera aperta di Annamaria Furlan, 'Il Messaggero' 17 Ottobre 2018

    Furlan2018Le vicende emblematiche del Terzo Valico ferroviario in Liguria, del Gasdotto Tap in Puglia e della Pedemontana in Veneto sono la cartina da tornasole di un Paese che non sa decidere sul proprio futuro, incapace di valutare, senza pregiudizi ideologici, qualunquismo ed interessi di bottega, l'importanza degli investimenti pubblici in infrastrutture per la crescita e lo sviluppo complessivo del Paese. (...) E' lunghissima la lista delle opere in fase di realizzazione bloccate da ritardi amministrativi, veti della politica, ricorsi alla magistratura, appalti truccati, revisioni dei prezzi, campagne ideologiche. Parliamo di porti, acquedotti, dighe, raccordi stradali, ferrovie, fino alle scuole dei piccoli comuni. Di 37 opere strategiche programmate negli ultimi 15 anni, solo 11 sono arrivate al traguardo. Si stimano in 33 mila posti di lavoro ed in 75 miliardi di euro le ricadute che lo sblocco di queste opere pubbliche avrebbero sull'economia. Stare al Governo significa in primo luogo fare gli interessi generali del Paese e valutare con rispetto e senso di responsabilità anche le decisioni prese dagli Esecutivi precedenti in raccordo con l'Europa. 

FOCUS

ISCRIVITI ALLA CISL. INSIEME E' MEGLIO!

tesseramento 2018 orizzontale nologo lowres

Sindacato, contrattazione, tutela e rappresentanza. La persona, il luogo di lavoro, il territorio al centro dell'azione della CISL. Azione di prossimità. Siamo presenti su tutto il territorio con le Unioni sindacali territoriali e con la rete di servizi di assistenza, informazione e orientamento.  Dettagli

Iscriviti 

SCRIVI ALLA CISL

Inserisci il tuo nome

Inserisci il tuo indirizzo email

Valore non valido

Inserisci il quesito

AggiornaValore non valido

Consenso privacy
 

Sicilia. In arrivo la svendita di Poste Italiane. "Altola' dellla Cisl

Per la Slp, l’operazione accende un’ipoteca sul recapito postale, rischia di tradursi nel drastico taglio dei posti di lavoro. E rappresenta una minaccia, specialmente, per mille ragazzi che in Sicilia lavorano a part-time.

Una nota di Lanzafame Lo Stato italiano si starebbe preparando a~cedere un’altra porzione di Poste Italiane. Ma la prospettiva fa storcere il muso alla Cisl Slp, guidata in Sicilia da Giuseppe Lanzafame. Per il sindacato l’operazione, “una svendita”, accende un’ipoteca sul recapito postale; rischia di tradursi nel drastico taglio dei posti di lavoro. E rappresenta una minaccia, specialmente, per mille ragazzi che in Sicilia lavorano a part-time per l’azienda. Il Governo, segnala Cisl Slp, spinto dal rispetto dei termini indicati dalla Commissione europea e nel tentativo di~ridurre il debito pubblico dell’Italia, potrebbe a breve decidere di vendere una seconda parte di Poste Italiane, dopo l'Ipo dello scorso ottobre. In pratica, dopo la cessione del 35% avvenuta lo scorso anno, il ministero dell’Economia potrebbe metterne in vendita un altro 30%, riducendo così la propria quota, dal 65% al 35%. Stando al progetto, la seconda vendita potrebbe far incassare allo Stato altri tre miliardi di euro. L’operazione prende quota a seguito della decisione di sospendere per il momento la quotazione delle Ferrovie dello Stato, e quindi mira a garantire comunque un introito al Governo. Ma è questa nuova cessione, di un’azienda che rappresenta uno dei gioiellini di Stato, che non convince la Cisl.

Per il segretario regionale della Slp, Giuseppe Lanzafame: “Sono passati solo pochi mesi dalla collocazione in Borsa del 35% di Poste Italiane che già si vuol passare alla fase 2: la vendita di un’ulteriore quota. La cessione di questa seconda tranche ai privati cambierebbe la storia della più grande azienda di Stato! E se le cose andranno come sembra, avremo presto un nuovo decreto che fisserà la partecipazione dello Stato addirittura al 30 se non al 25%. In questo modo la svendita di Poste Italiane sarà servita su un piatto d’argento!”. “Dopo l’approdo in Piazza Affari nell’ottobre 2015 - spiega Lanzafame - sembra che nulla sia accaduto in termini negativi. Anzi, assistiamo a un aumento di ricavi. Noi amiamo considerare più fattori: l’economia, la qualità dei servizi, le prospettive, i progetti concreti e il clima aziendale”. “La dichiarazione del ministro dell’Economia Padoan, sulla cessione di un’ulteriore quota ai privati – afferma - ci spaventa e ci preoccupa perché significherebbe svendere una delle più grandi aziende italiane. Poste rappresenta per i risparmiatori un baluardo di certezza e garanzia. Un’azienda che ha alle spalle tantissimi anni di storia, con una capillarità in tutto il territorio nazionale che ha consentito finora il recapito della corrispondenza a tutte le famiglie del nostro paese”.

“Di fatto, con la privatizzazione di Poste Italiane – ribatte il sindacalista - ci sarà un’attenzione sempre più residuale al servizio di recapito postale e un accento sempre più marcato sul ruolo finanziario di Poste Italiane che, oggi, grazie alla capillarità dei suoi presidi territoriali, può tranquillamente lanciarsi in Borsa sfruttando la fidelizzazione dei cittadini accumulata in decenni di ruolo pubblico, per metterla a valore in prodotti assicurativi, finanziari e in sempre più spregiudicate speculazioni di mercato”. “Ci viene difficile accettare - continua~ Lanzafame - che il governo pur di recuperare pochi miliardi, utilizzi Poste Italiane come un “bancomat”, ormai l’unica azienda di Stato da poter spremere. Non importa se lentamente si priva il cittadino di servizi, se si collocano prodotti finanziari in maniera smisurata, se la forza lavoro è in costante diminuzione, se migliaia di lavoratori subiscono pressioni commerciali, procedimenti disciplinari e ricatti senza una specifica ragione. Quello che ci preoccupa particolarmente, è la drastica riduzione dei posti di lavoro che può derivare da questo processo repentino di privatizzazione”. “Diverse sono le aziende italiane che rappresentano casi emblematici in tal senso. Prima fra tutte Telecom Italia, che a seguito della privatizzazione ha scelto di ridurre drasticamente il personale, nel giro di pochissimi anni. È questo il futuro che attende pure la nostra azienda”. “Ma se si dovesse verificare tutto questo - ribadisce il sindacalista - mi chiedo che futuro e che prospettive avranno i tantissimi ragazzi part time, che si trovano da diversi anni in questa condizione? Questo è quello che vorremmo sapere da Poste Italiane”.

“Oggi - conclude il segretario regionale - gli stessi lavoratori che sono stati gli artefici del miracolo italiano, temono l’azienda perché vengono quasi quotidianamente umiliati, offesi dalla dirigenza e dai clienti che non godono di un servizio di qualità. Purtroppo, attualmente è questa la reale condizione di Poste Italiane. Per la Cisl, sono da sempre primari l’azienda e il lavoratore, messi fortemente in discussione da forti interessi economici. E se non si cambierà rotta, sarà sostanzialmente un disastro economico e sociale in termini di occupazione”.

CONQUISTE DEL LAVORO

copertina_conquiste_del_lavoro

Industria 4.0, la sfida si chiama formazione

La rivoluzione digitale modificherà il lavoro nelle fabbriche e cambierà il volto delle relazioniindustriali. Ma per non rimanere indietro il...

Ryanair, firmato il contratto collettivo italiano per gli assistenti di volo

Fit Cisl: nostro prossimo obiettivo è migliorare anche il contratto dei piloti del vettore irlandese. Lo scopo finale è dare...

Industria, torna il segno più

Istat: dopo i cali di luglio, il fatturato sale dell’1,2% e gli ordinativi del 4,9%. A settembre frena l’inflazione: meno...

Ilva, Mittal dà il via libera alle cessioni

Il gruppo indiano annuncia la dismissione di 4 siti in Europa: c’è anche Piombino. Proseguono le trattative ...

CONQUISTE DEL LAVORO

Industria 4.0, la sfida si chiama formazione

La rivoluzione digitale modificherà il lavoro nelle fabbriche e cambierà il volto delle relazioniindustriali. Ma per non rimanere indietro il...

Ryanair, firmato il contratto collettivo italiano per gli assistenti di volo

Fit Cisl: nostro prossimo obiettivo è migliorare anche il contratto dei piloti del vettore irlandese. Lo scopo finale è dare...

Industria, torna il segno più

Istat: dopo i cali di luglio, il fatturato sale dell’1,2% e gli ordinativi del 4,9%. A settembre frena l’inflazione: meno...

Ilva, Mittal dà il via libera alle cessioni

Il gruppo indiano annuncia la dismissione di 4 siti in Europa: c’è anche Piombino. Proseguono le trattative ...

In base alla normativa in materia di privacy applicabile, CISL – Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.
Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa