• Sindacato Furlan al Congresso Cgil:

    Sindacato
    Furlan al Congresso Cgil: "Abbiamo bisogno di sindacati coesi e rappresentativi"

    Continua...

  • Manifestazione di Cgil Cisl Uil del 9 febbraio Lettera di Annamaria Furlan agli iscritti:

    Manifestazione di Cgil Cisl Uil del 9 febbraio
    Lettera di Annamaria Furlan agli iscritti: "Mobilitiamoci insieme per cambiare le scelte economiche del Governo"

    Continua...

  • Sindacato Furlan:

    Sindacato
    Furlan: "Cisl primo sindacato nel comparto istruzione e funzioni centrali P.A. Ottimi risultati in tutti i settori del Pubblico Impiego"

    Continua...

  • Riders Sentenza di Torino passo importante. Ora elevare le tutele a tutti i lavoratori della gig economy

    Riders
    Sentenza di Torino passo importante. Ora elevare le tutele a tutti i lavoratori della gig economy

    Continua...

  • MigrantiFurlan:

    Migranti
    Furlan: "Positivo l'accordo su Sea Wacht e Sea Eye. Giusto che sia l’Europa a farsi carico dell’accoglienza"

    Continua...

  • Pensioni Cisl e Fnp:

    Pensioni
    Cisl e Fnp: "Inaccettabile la riduzione della rivalutazione per finanziare altre misure. Pronti alla mobilitazione per cambiare la norma"

    Continua...

  • L’appello del mondo cattolico

    L’appello del mondo cattolico
    "Costruiamo una vera Europa unita delle persone, del lavoro e della crescita"

    Continua...

  • Dal territorio

COMUNICATI STAMPA

Editoria. Furlan: "Difendere patrimonio Gazzetta Mezzogiorno"

22 gennaio 2019 -  " Voglio esprimere la solidarieta' ed il sostegno della Cisl ai giornalisti ed a tutti i... continua

Lavoro. Furlan: "Solidarietà a giornalisti e poligrafici della Gazzetta del Mezzogiorno"

Roma 22 gennaio 2019 - “Voglio esprimere la solidarietà ed il sostegno della Cisl ai giornalisti ed a tutti i... continua

Mafia. Furlan: "Solidarieta' a Paolo Borrometi e a Tv2000"

 22 gennaio 2019 - "Solidarieta' della Cisl a Paolo Borrometi di Tv 2000 minacciato di morte. Ancora una vile intimidazione... continua

Dl Semplificazioni. Cuccello: "Necessarie soluzioni che non creino tensioni occupazionali su art. 177 codice appalti"

Roma, 20 gennaio 2019 - “La discussione in atto sul decreto semplificazioni, relativa all’articolo 177 del codice degli appalti ... continua

Governo. Furlan: "Auspico un confronto importante"

Bologna, 21 gennaio 2019 -  "Speriamo che dopo la nostra manifestazione che vedra' la partecipazione di tanti lavoratori, pensionati, giovani... continua

Bankitalia. Furlan: "Il termine recessione spaventa tutti. E' una situazione che preoccupa moltissimo"

Bologna, 21 gennaio 2019 -  "E' una situazione che preoccupa moltissimo": cosi' il segretario generale della Cisl, Annamaria Furlan, ha... continua

Labor TV

Intervento Annamaria Furlan al XVIII Congresso nazionale della Cgil

Guarda tutti i video

IN EVIDENZA

A PROPOSITO DI

  • Intervento di Annamaria Furlan da 'Conquiste del lavoro' e 'Il Dubbio' del 22 Gennaio 2019: "Sicurezza sul lavoro primaria emergenza"

    b_180_160_16777215_00_images_foto_annamaria_20150414_110016_97CCCA88.jpg"L'operaio che è mancato ieri all' Ansaldo Energia di Genova aveva poco più di quarant'anni e lascia orfane due ragazze in tenera età. E' una tragedia terribile, e una sconfitta per il nostro paese. Ogni giorno in media tre persone perdono la vita sul lavoro, e questo succede in tutti i settori, privati e pubblici. Nonostante ciò la sicurezza nei luoghi di lavoro è un "non tema" del dibattito politico e istituzionale. Nessun esponente del governo in questi mesi ha usato la parola "sicurezza" riguardo alla sicurezza che davvero manca nei luoghi di lavoro. In appalti e i sub appalti i controllo sono pressocchè inesistenti. Il problema è che se ne parla poco anche nei territori, nelle regioni, nei comuni, nelle scuole, nelle università e sui mass media, tutti luighi dove si dovrebbe costruire una vera alleanza per il rispetto della vita".

FOCUS

  • Le priorità per la legge di Bilancio 2019: Piattaforma Cgi Cisl Uil

    bandiere cgil cisl uilLe proposte di Cgil, Cisl, Uil per la crescita e lo sviluppo del Paese, contenute nella Piattaforma approvata dagli Esecutivi unitari riuniti il 22 ottobre scorso per valutare il Def e la legge di Bilancio 2019.

  • Pensioni. Le richieste della Cisl per il confronto con il Governo

    richiestecislRoma, 10 agosto 2018. " Occorre che il Governo apra ai primi di settembre in vista della predisposizione della legge di stabilita' un confronto con il sindacato sul tema delle pensioni. La Cisl, unitamente alle altre confederazioni, ha recentemente inviato proprio una richiesta di incontro al Ministro del Lavoro allo scopo di discutere le possibili scelte da compiere in materia previdenziale". 

ISCRIVITI ALLA CISL. INSIEME E' MEGLIO!

tesseramento 2018 orizzontale nologo lowres

Sindacato, contrattazione, tutela e rappresentanza. La persona, il luogo di lavoro, il territorio al centro dell'azione della CISL. Azione di prossimità. Siamo presenti su tutto il territorio con le Unioni sindacali territoriali e con la rete di servizi di assistenza, informazione e orientamento.  Dettagli

Iscriviti 

SCRIVI ALLA CISL

Inserisci il tuo nome

Inserisci il tuo indirizzo email

Valore non valido

Inserisci il quesito

AggiornaValore non valido

Consenso privacy
 

Sicilia. In arrivo la svendita di Poste Italiane. "Altola' dellla Cisl

Per la Slp, l’operazione accende un’ipoteca sul recapito postale, rischia di tradursi nel drastico taglio dei posti di lavoro. E rappresenta una minaccia, specialmente, per mille ragazzi che in Sicilia lavorano a part-time.

Una nota di Lanzafame Lo Stato italiano si starebbe preparando a~cedere un’altra porzione di Poste Italiane. Ma la prospettiva fa storcere il muso alla Cisl Slp, guidata in Sicilia da Giuseppe Lanzafame. Per il sindacato l’operazione, “una svendita”, accende un’ipoteca sul recapito postale; rischia di tradursi nel drastico taglio dei posti di lavoro. E rappresenta una minaccia, specialmente, per mille ragazzi che in Sicilia lavorano a part-time per l’azienda. Il Governo, segnala Cisl Slp, spinto dal rispetto dei termini indicati dalla Commissione europea e nel tentativo di~ridurre il debito pubblico dell’Italia, potrebbe a breve decidere di vendere una seconda parte di Poste Italiane, dopo l'Ipo dello scorso ottobre. In pratica, dopo la cessione del 35% avvenuta lo scorso anno, il ministero dell’Economia potrebbe metterne in vendita un altro 30%, riducendo così la propria quota, dal 65% al 35%. Stando al progetto, la seconda vendita potrebbe far incassare allo Stato altri tre miliardi di euro. L’operazione prende quota a seguito della decisione di sospendere per il momento la quotazione delle Ferrovie dello Stato, e quindi mira a garantire comunque un introito al Governo. Ma è questa nuova cessione, di un’azienda che rappresenta uno dei gioiellini di Stato, che non convince la Cisl.

Per il segretario regionale della Slp, Giuseppe Lanzafame: “Sono passati solo pochi mesi dalla collocazione in Borsa del 35% di Poste Italiane che già si vuol passare alla fase 2: la vendita di un’ulteriore quota. La cessione di questa seconda tranche ai privati cambierebbe la storia della più grande azienda di Stato! E se le cose andranno come sembra, avremo presto un nuovo decreto che fisserà la partecipazione dello Stato addirittura al 30 se non al 25%. In questo modo la svendita di Poste Italiane sarà servita su un piatto d’argento!”. “Dopo l’approdo in Piazza Affari nell’ottobre 2015 - spiega Lanzafame - sembra che nulla sia accaduto in termini negativi. Anzi, assistiamo a un aumento di ricavi. Noi amiamo considerare più fattori: l’economia, la qualità dei servizi, le prospettive, i progetti concreti e il clima aziendale”. “La dichiarazione del ministro dell’Economia Padoan, sulla cessione di un’ulteriore quota ai privati – afferma - ci spaventa e ci preoccupa perché significherebbe svendere una delle più grandi aziende italiane. Poste rappresenta per i risparmiatori un baluardo di certezza e garanzia. Un’azienda che ha alle spalle tantissimi anni di storia, con una capillarità in tutto il territorio nazionale che ha consentito finora il recapito della corrispondenza a tutte le famiglie del nostro paese”.

“Di fatto, con la privatizzazione di Poste Italiane – ribatte il sindacalista - ci sarà un’attenzione sempre più residuale al servizio di recapito postale e un accento sempre più marcato sul ruolo finanziario di Poste Italiane che, oggi, grazie alla capillarità dei suoi presidi territoriali, può tranquillamente lanciarsi in Borsa sfruttando la fidelizzazione dei cittadini accumulata in decenni di ruolo pubblico, per metterla a valore in prodotti assicurativi, finanziari e in sempre più spregiudicate speculazioni di mercato”. “Ci viene difficile accettare - continua~ Lanzafame - che il governo pur di recuperare pochi miliardi, utilizzi Poste Italiane come un “bancomat”, ormai l’unica azienda di Stato da poter spremere. Non importa se lentamente si priva il cittadino di servizi, se si collocano prodotti finanziari in maniera smisurata, se la forza lavoro è in costante diminuzione, se migliaia di lavoratori subiscono pressioni commerciali, procedimenti disciplinari e ricatti senza una specifica ragione. Quello che ci preoccupa particolarmente, è la drastica riduzione dei posti di lavoro che può derivare da questo processo repentino di privatizzazione”. “Diverse sono le aziende italiane che rappresentano casi emblematici in tal senso. Prima fra tutte Telecom Italia, che a seguito della privatizzazione ha scelto di ridurre drasticamente il personale, nel giro di pochissimi anni. È questo il futuro che attende pure la nostra azienda”. “Ma se si dovesse verificare tutto questo - ribadisce il sindacalista - mi chiedo che futuro e che prospettive avranno i tantissimi ragazzi part time, che si trovano da diversi anni in questa condizione? Questo è quello che vorremmo sapere da Poste Italiane”.

“Oggi - conclude il segretario regionale - gli stessi lavoratori che sono stati gli artefici del miracolo italiano, temono l’azienda perché vengono quasi quotidianamente umiliati, offesi dalla dirigenza e dai clienti che non godono di un servizio di qualità. Purtroppo, attualmente è questa la reale condizione di Poste Italiane. Per la Cisl, sono da sempre primari l’azienda e il lavoratore, messi fortemente in discussione da forti interessi economici. E se non si cambierà rotta, sarà sostanzialmente un disastro economico e sociale in termini di occupazione”.

PROSSIMI EVENTI

Nessun evento trovato

CONQUISTE DEL LAVORO

copertina_conquiste_del_lavoro

Blutec, a Termini Imerese è ancora allarme

Stipendi in ritardo e piano che non decolla. Adesso anche la cassa integrazione è a rischio. Lavoratori dell’indotto senza...

Uniti per rilanciare la rappresentanza

Nel giorno di avvio del XVIII Congresso Cgil, Camusso, Furlan e Barbagallo riaprono il cantiere dell’unità sindacale. Appuntamento il...

Tim, Elliott: subito creazione e separazione della rete

Il fondo americano passa al contrattacco dopo lo stop imposto dell’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni al progetto di...

Morto operaio in Ansaldo Energia: è sciopero immediato

Ancora una vittima sul lavoro stamattina a Genova. L'uomo, 42 anni, lascia due figli di 6 e 11 anni.Furlan: un...

Congresso Cgil, si chiude l’era Camusso ma il finale è incerto

Oggi a Bari al via il XVIII Congresso. La sfida tra Landini e Colla appare apertissima.Finora le mediazioni per trovare...

CONQUISTE DEL LAVORO

Blutec, a Termini Imerese è ancora allarme

Stipendi in ritardo e piano che non decolla. Adesso anche la cassa integrazione è a rischio. Lavoratori dell’indotto senza...

Uniti per rilanciare la rappresentanza

Nel giorno di avvio del XVIII Congresso Cgil, Camusso, Furlan e Barbagallo riaprono il cantiere dell’unità sindacale. Appuntamento il...

Tim, Elliott: subito creazione e separazione della rete

Il fondo americano passa al contrattacco dopo lo stop imposto dell’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni al progetto di...

Morto operaio in Ansaldo Energia: è sciopero immediato

Ancora una vittima sul lavoro stamattina a Genova. L'uomo, 42 anni, lascia due figli di 6 e 11 anni.Furlan: un...

Congresso Cgil, si chiude l’era Camusso ma il finale è incerto

Oggi a Bari al via il XVIII Congresso. La sfida tra Landini e Colla appare apertissima.Finora le mediazioni per trovare...

In base alla normativa in materia di privacy applicabile, CISL – Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.
Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa