Ilva. Fim Cisl Taranto Brindisi: i ritardi non aiutano a superare le incertezze. Subito messa in sicurezza e rilancio del sito produttivo

Taranto, 1 giugno 2016. «Ancora rinvii, ancora mesi di vuoto». Questo il primo commento del segretario generale della Fim-Cisl Taranto Brindisi, Valerio D'Alò, alla notizia di un ulteriore rinvio dei termini per la risposta definitiva sulla vicenda Ilva. «Ogni giorno di ritardo – sostiene D’Alò - fa peggiorare la già difficile situazione all'interno dello stabilimento Ilva di Taranto. Siamo ormai allo stremo – aggiunge il segretario della Fim Cisl – manca la manutenzione ordinaria per la poca liquidità e ciò compromette le condizioni di sicurezza dei lavoratori. Piuttosto che riparare i mezzi si preferisce affidare a terzi le attività. Non pensiamo assolutamente che la vicenda sia di facile soluzione, tutt'altro. È forse la vertenza più complicata che l'apparato industriale italiano abbia affrontato. Questo però non può essere una scusa per accumulare rinvii e ritardi. I lavoratori e i cittadini non lo meritano. Continuiamo ad insistere – conclude D’Alò – che si arrivi a un punto di svolta quanto prima e che partano le opere di ambientalizzazione e di rilancio dello stabilimento».

Stampa

In base alla normativa in materia di privacy applicabile, CISL – Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.
Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa