Sciopero metalmeccanici. Fim Cisl Basilicata: adesione elevata anche in Basilicata

Potenza, 10 giugno 2016. Piazze piene e fabbriche vuote anche in Basilicata per lo sciopero nazionale di oggi dei lavoratori metalmeccanici. La percentuale di adesione nelle aziende metalmeccaniche lucane - hanno comunicato i sindacati - è stata del 75 per cento. Molto partecipata, a Potenza, è stata anche la manifestazione regionale promossa dalle segreterie regionali di Fim, Fiom e Uilm, conclusasi con un presidio davanti alla sede di Confindustria alla presenza del segretario nazionale della Uilm, Luca Colonna, proprio all’indomani dell’insediamento del nuovo presidente regionale degli industriali. Facce soddisfatte tra i sindacalisti per il livello di adesione registrato in Basilicata alla mobilitazione lanciata a livello nazionale dai sindacati metalmeccanici per sollecitare il rinnovo del contratto nazionale di categoria. Una forza d’urto sociale che ora i sindacati vogliono far pesare al tavolo negoziale con Federmeccanica e Assistal. Fim, Fiom e Uilm si confermano compatte nel rivendicare un contratto nazionale che: garantisca il potere d’acquisto del salario per tutti i metalmeccanici; estenda la contrattazione di 2° livello su tutti gli aspetti che compongono la prestazione lavorativa; qualifichi le relazioni industriali, faccia ripartire gli investimenti, rilanci una vera politica industriale; migliori l'organizzazione e le condizioni di lavoro e tuteli tutte le forme di lavoro e l’occupazione; introduca nuovi diritti di formazione, welfare, partecipazione e valorizzazione delle professionalità. “Federmeccanica e Assistal vogliono riportare le lancette del tempo agli anni ’50”, è una delle accuse lanciate da Fim, Fiom e Uilm alla controparte datoriale: “A parole chiedono un rinnovamento ma nei fatti non vogliono riconoscere l’aumento salariale a tutti i lavoratori e vogliono cancellare il contratto nazionale mettendo in discussione contemporaneamente il doppio livello di contrattazione e il ruolo e il valore del contratto nazionale quale reale strumento di tutela dei salari e dei diritti di tutte le persone che lavorano nelle imprese metalmeccaniche. Lo scopo della nostra mobilitazione è ribadire che il contratto nazionale è importante e attuale perché stabilisce regole certe e trasparenti per impedire che i lavoratori diventino merce in balia di accordi di aziendali più o meno efficaci a seconda della controparte di riferimento. Richiedere l'aumento salariale non è quindi la sterile presa di posizione di una parte sociale, ma la giusta rivendicazione di un’equa retribuzione che restituisce dignità al lavoro e ai lavoratori”.

Stampa

In base alla normativa in materia di privacy applicabile, CISL – Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso.
Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa